Diaconale: «A Lotito critica strumentale dopo l’elezione di Tavecchio. La Lazio è ingombrante…»

diaconale lazio
© foto www.imagephotoagency.it

Il responsabile della comunicazione biancoceleste, Arturo Diaconale, è intervenuto al canale ufficiale della società per commentare gli attacchi a Lotito dopo la rielezione di Tavecchio alla presidenza Figc

«Figc, ora Tavecchio vuole liberarsi dalla marcatura di Lotito»: così titolava oggi un articolo sul Corriere della sera. Il riferimento è all’appoggio del presidente biancoceleste al presidente Figc da poco confermato; l’atteggiamento dello stesso Lotito all’Hotel Hilton di Fiumicino viene riportato in maniera grottesca dall’articolo del quotidiano milanese, sul quale Arturo Diaconale ha commentato: «Quanto scritto segue a quello della vigilia del voto, in cui si preparava l’attacco a Lotito, considerato il più grande artefice della rielezione di Tavecchio – ha detto il responsabile della comunicazione biancoceleste a Lazio Style Radio – Il ruolo del presidente non piace a qualcuno e la Lazio sta diventando una squadra ingombrante. L’articolo è basato su osservazioni sul suo fisico e sulla sua spontaneità verso gli interlocutori ed è fatto in modo di metterlo in cattiva luce, per spingere Tavecchio a non riconoscere i meriti di Lotito. E’ una critica strumentale. I tifosi devono sapere che da questo momento in poi, la Lazio cresce e comincia a dare fastidio alle squadre concorrenti. In molti non vogliono che la Lazio si affermi e Lotito diventa il bersaglio principale. Dobbiamo metterci in guardia dalle aggressioni, che ovviamente ci saranno. Il passato lo dimostra». Poi, alcune parole sul mercato: «Adesso cominciano le voci, una Lazio così diventa un obiettivo da smantellare il prima possibile. Questo dimostra quanto la squadra e i suoi singoli stiano crescendo. Quando finirà il mercato, l’importante è che la Lazio ne esca rafforzata».