Delio Rossi: «Mi sento più laziale ora rispetto a prima! Derby? Biancocelesti favoriti, ma…»

Delio rossi
© foto www.imagephotoagency.it

L’ex allenatore della Lazio Delio Rossi, intervenuto a Radiosei, ha detto la sua sul derby della Capitale di sabato pomeriggio

Dopo le parole di Zibì Boniek, e a qualche giorno dal derby della Capitale, sono arrivate le dichiarazioni di un ‘esperto’ di stracittadine, Delio Rossi. L’ex allenatore biancoceleste, intervenuto ai microfoni di Radiosei, ha detto la sua sulla sfida che vedrà contrapporsi Roma e Lazio: «Mi sento più laziale adesso che non prima quando allenavo la squadra. Non conoscevo Roma quando arrivai e mi dissero che se mi fossi comportato bene la tifoseria biancoceleste non mi avrebbe scordato. In effetti è così, devo riconoscerlo visto che vivo a Roma. Lazio? Vederla giocare non è come vedere un’altra squara. Sta iniziando ad ottenere dei risultati come lo scorso anno, non ha cambiato l’ossatura. Il calendario non ha aiutato. Alcuni elementi importanti della rosa all’inizio dovevano ancora dare tanto anche a livello di qualità. Ora però c’è il derby ed è tutta un’altra storia».

INZAGHI«E’ un bravo tecnico ed ha dimostrato che la rosa non è composta da undici elementi ma è una squadra con molta qualità, questo gli ha permesso di fare turnover contro l’Udinese. Il derby è un campionato dentro il campionato: se vinci hai dei benefici, se perdi qualche problemino te lo crea. Serve affrontarlo con la testa molto fredda e il cuore calco. Non è mai una partita come le altre. Roma? E’ più sotto pressione rispetto alla Lazio. Il derby di andata è meno bloccato rispetto a quello di ritorno. Bisogna scendere in campo per vincere, io magari ne ho persi molti perché ho cercato di vincerli, però ne ho vinti anche altri. La Lazio questa volta è favorita rispetto ai giallorossi».

NOSTALGIA«Il derby che ricordo con più piacere forse è quello del 3-0 con i gol di Ledesma, Mauri e Mutarelli. Pure quello di Behrami che si è vinto al 93′ è stato particolare. La Lazio ha un organico che le può permettere di arrivare da seconda ad ottava, se fa il miracolo arriva seconda o terza. Sennò potrebbe arrivare ottava. La partita di sabato la vedrò in televisione».