Connettiti con noi

Hanno Detto

Delgado: «Ecco il mio ricordo più bello, su Sarri…»

Pubblicato

su

L’ex attaccante biancoceleste Roberto Delgado è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Radio, ecco le sue parole

LAZIO INTER 2003 – «Quella sera rimarrà per nella mia mente, una delle più belle della mia vita. Fu un’emozione unica, indescrivibile, con lo stadio pieno e la Curva che mi chiamò sotto a fine partita. Fu la cosa più bella che potesse capitarmi da calciatore».

IL PRIMO A COMPLIMENTARSI –  «L’allora capitano Favalli. Quando la palla entrò, avrei voluto andare da Zauri invece lui mi venne addosso buttandomi per terra ed abbranciandomi. Mi disse che ero stato grande, fu bellissimo».

VITTORIA IN COPPA ITALIA –  «La vittoria della Coppa Italia fu pazzesca, arrivò con un cammino perfetto e con la doppia finale. Ci andammo a prendere la Coppa al Delle Alpi di Torino, fu bellissimo. Ho ancora la medaglia a casa e me la tengo ben stretta, avevo appena 17 anni».

CONTATTI CON QUEL GRUPPO – «Sento e vedo spesso Rocchi perché i nostri figli giocano insieme nella Lazio. Vediamo anche qualche partita insieme. Poi gioco a paddle con Fiore, Giannichedda e Di Canio».

MANCINI – «Mancini ha la bravura di creare sempre grandi gruppi, che sono come famiglie dove ognuno lotta per l’altro. La sua Italia lo dimostra, visto che gioca benissimo. Sono contento per lui perché oltre ad essere un grande allenatore è una grande persona».

 GIOCARE CON LA LAZIO OGGI  – «Mi piacerebbe molto! In primis, con Lucas Leiva. Suo figlio gioca con il mio, ci vediamo le partite insieme, è un fenomeno nel suo ruolo. Poi ovviamente anche Felipe Anderson, Milinkovic, Immobile. La Lazio è una grande squadra, piena di campioni».

SARRI –  «Il mister ha bisogno di tempo, ha alzato il livello intorno alla Lazio, sia fuori che dentro al campo. Fa un calcio propositivo, è esigente, è normale che ci voglia tempo. Non vanno fatti paragoni con il suo vecchio Napoli, la Lazio ha interpreti diversi e sono sicuro che presto si vedrà una grande squadra, come accaduto nel derby ed in Europa League».

LAZIO INTER OGGI –
«Mi aspetto una partita bella ed aperta, tra due grandi squadre ed allenatori molto preparati. Per Inzaghi sarà un’emozione unica tornare all’Olimpico, ma sono sicuro che i biancocelesti alla fine riusciranno a spuntarla».

UNIPOMEZIA – «Sono da cinque anni qui, questa società merita il professionismo. Ho un bel rapporto con tutto l’ambiente ed il Presidente, spero che questi miei ultimi anni da calciatore mi permettano di regalare un’emozione importante a questa tifoseria».