D’Amico: «Il calcio mi annoia, io seguo solo la Lazio»

d'amico
© foto @YouTube

Vincenzo D’Amico è tornato a parlare di Lazio, confessando di non seguire il calcio se non per la squadra biancoceleste

Vincenzo D’Amico. Solo pronunciare il suo nome fa venire i brividi lungo la schiena. Un pezzo di storia della Lazio che porta quei colori anche ben impessi nel cuore e che ancora segue con lo stesso ardore: «La Lazio la guardo sempre perché mi interessa, ma il resto del calcio mi annoia. Anche le partite della nazionale, se ho qualcosa di meglio da fare, non le guardo. Poi magari mi vedo le fasi salienti successivamente».

Ha poi proseguito, sulle frequenze di Radio Incontro Olimpia: «Immobile o Belotti? Non capisco i giornalisti che scrivono che Belotti dovrebbe essere il titolare dell’Italia all’europeo perché gioca per la squadra. E Immobile allora? Non ho mai visto un attaccante correre come Ciro per aiutare i compagni. Questa è una bella nazionale, ma vorrei vederla contro avversari più ostici. Ci sono in rosa dei giocatori, anche giovani, che potrebbero diventare importanti. Altri lo sono già, almeno in Italia. Il problema è che molti nel nostro paese hanno fatto e stanno facendo benissimo, ma poi all’estero scompaiono. Mi viene in mente un calciatore che io adoravo, Antonio di Natale: grandissimo in Italia, ma fuori contava poco o nulla»