Connettiti con noi

Hanno Detto

L’accusa di Dalma Maradona: «Il Napoli ci ha vietato l’ingresso allo stadio»

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

La primogenita di Maradona, Dalma, ha rivelato alcuni retroscena su quanto accaduto nelle ultime settimane con il Napoli: le sue parole

Dalma Maradona, primogenita del Pibe de Oro, in una intervista a La Gazzetta dello Sport ha rivelato di aver ricevuto un secco no dal Napoli per entrare allo stadio intitolato al padre e girare alcune scene per il documentario a lui dedicato.

PERMESSO NEGATO – «Napoli è l’ultima tappa del mio viaggio. Attraverso la casa di produzione locale (la Bronx, ndr) abbiamo chiesto le autorizzazioni necessarie per girare allo stadio ma il Napoli ci ha detto di no. Non ci potevo credere, così ho chiesto di riprovare. Niente. Ci hanno detto di no con una mail di pochissime parole, senza spiegazioni o motivazioni». 

DE LAURENTIIS – «Di fronte a questi no così asciutti ho cercato e ottenuto il telefono del presidente De Laurentiis e gli ho scritto, con rispetto, raccontandogli il mio progetto. Il messaggio è stato letto ma ancora non ho ricevuto alcuna risposta. Tra l’altro gli ho anche chiesto di intercedere sulla questione Insigne». 

INSIGNE – «So che a Lorenzo piacerebbe partecipare al documentario, perché mio padre ha significato tanto per lui che lo porta tatuato sul corpo. Però anche lui ci ha fatto sapere che non può girare senza l’autorizzazione del club, e il Napoli gliel’ha negata. Sinceramente non so cosa sta succedendo e il fatto di non poter entrare in un posto che porta il mio cognome mi sembra una follia. Non c’è niente che mi dà più orgoglio del pensare che uno stadio, come succede qui con il campo dell’Argentinos Juniors, si chiami Diego Armando Maradona, mi sembra spettacolare. Però sfortunatamente non mi ci lasciano entrare». 

Advertisement

News

Advertisement