Crisi Roma, sempre più debiti: servono nuovi soci o si dovrà vendere

© foto www.imagephotoagency.it

Aumentano ancora i debiti della Roma. Per salvare la situazione servono nuovi soci o ricche plusvalenze

Sempre più profondo rosso. I conti della Roma fanno paura e rischiano di segnare cifre impressionanti: -140 milioni di perdite quando si chiuderà il bilancio.

Ci sono tre dati significativi che sono peggiorati rispetto all’ultima rilevazione: il rosso di bilancio (salito a -126,4 milioni rispetto al -29,5 di un anno fa), l’indebitamento netto adjusted (arrivato a -280,5, oltre i -240,9 di giugno scorso) ed il patrimonio netto del club, negativo per 26,8 milioni (rispetto ai 10,5 del 2019). Per far fronte al problema, per ora Pallotta ha ovviato che il contratto «Purchase and Sal Agreement», che norma la cessione di crediti futuri per 30 milioni (l’incasso al botteghino, di questi 26 andranno alla Roma e alle banche che hanno condotto l’operazione).

Come riporta La Gazzetta Sportiva, ecco le possibili soluzioni per risolvere questo problema: 1) la possibilità di introitare delle cifre importanti con l’Europa League; 2) la cessione dei diritti pluriennali dei giocatori; 3) completare l’aumento di capitale già deliberato da 150 milioni (finora ne sono stati versati 89,1); 4) l’ingresso di nuovi soci.

Ma a fare la differenza saranno le cessioni dei giocatori e l’eventuale ingresso di nuovi partner nella composizione azionaria del club. L’imperativo è vendere per monetizzare e magari  piazzare delle plusvalenze.

Iscriviti gratis alla nostra Newsletter

Privacy Policy