Connettiti con noi

Hanno Detto

Mourinho: «Pellegrini? Rapuano ha fatto una ca**ta. Derby iniziato lì» VIDEO

Pubblicato

su

Conferenza stampa Mourinho, il tecnico presenta il derby tra Lazio e Roma, rispondendo alle domande dei cronisti presenti

Scatta l’ora del derby. Archiviata la quinta giornata di campionato nella capitale è tempo della stracittadina tra Lazio e Roma. La squadra di Sarri è chiamata a riscattarsi dopo un digiuno di vittorie che tra Serie A e Europa League dura da quattro partite con 2 pareggi e 2 sconfitte. In casa giallorossa invece l’umore è ben diverso visto le tre vittorie nelle ultime quattro uscite considerando anche la Conference League.

Alla vigilia del match Josè Mourinho, allenatore giallorosso, Ha presentato la sfida in conferenza stampa. Ecco le sue parole:

COSA ASPETTARSI – «Giochiamo per vincere, dall’altra parte c’è una squadra che ha le nostre stesse ambizioni, quando usciamo dal campo viglio avere la sensazione che abbiamo dato il massimo».

SFIDA – «E’ una sfida diversa, sappiamo dove andare cosa fare, qui non esistono dubbi e per questo non è la sfida più difficile che ho affrontato. Rispetto Zeman e Garcia e le loro frasi, ma non commento le loro parole sul derby. Penso che è più importante parlare poco e giocare tanto».

L’ASSENZA DI PELLEGRINI – «Di Pellegrini ce ne è sono uno. Io potevo anche dire che la partita di domani si è iniziata a giocare al 90° minuto contro l’Udinese. Ha tante doti importanti, però non commento e non vi dirò come andremo a giocare e come lo sostituiremo in campo.

COSA MI HA COLPITO DI PIU’ – «Come la gente ha saputo stare vicino alla squadra sia quando abbiamo vinto che perso. I tifosi meritano tutto da noi e i ragazzi meritano tutto la loro. I ragazzi stanno rispettando questo, e domani i tifosi sapranno che la squadra giocherà al 100% anche per loro».

RIVALITA’ ROMA LAZIO – «Sono qui da pochi mesi, una cosa è quello che sento una cosa è esssere dentro e capire tutto. La rivalità è una cosa bella, è la normalità del calcio, è un privilegio giocare un derby in più, uno nuovo. Al di là di quello che significa il derby io voglio che la mia squadra abbia più ambizione della Lazio di vincere».

IL RAPPORTO CON GLI AVVERSARI – «Dammi un motivo per litigare per qualcuno, dammi del tempo però. L’unica cosa negativa che fino ad ora non mi è andata giù è l’espulisione di Pellegrini. Io rispetto tutti, non devo essere io a cercare motivi per litigare con qualcuno».

SU CHI NON STA GIOCANDO – «C’è bisogno di stabilità, chi non sta giocando è giovane, ha bisogno del tempo, mi sembra una situazione normale».

COSA SERVE PER VINCERE  – «Con la palla vogliamo aggredire, segnare se possiamo. Senza palla dobbiamo rispettarli e dobbiamo stare attenti a non rischiare e difendere. Per vincere domani dobbiamo fare una partita completa. Non posso dire più di questo. Se mi dite però Vina si, Vina no, io dico Vina si».

ZALEWSKI – «Siamo vicino alla famiglia zalewski. Vediamo domani, perchè deve essere lui a decidere in base a come convive con un mondo nuovo senza papà»

 

 

 

Advertisement

Facebook

Advertisement