Connettiti con noi

Campionato

Capello: «La Juventus sta tornando, Inter favorita per lo Scudetto»

Pubblicato

su

La corsa Scudetto è il tema principale dell’intervista rilasciata da Fabio Capello a RadioRai. Le sue parole, compreso grandi complimenti all’Atalanta

Fabio Capello ha parlato ai microfoni di Radio anch’io sport facendo il punto sulla corsa Scudetto. Queste le sue parole.

JUVENTUS – «La Juventus sta tornando, Ho guardato con attenzione la partita di ieri, la Juventus sta trovando la su identità. Ci sono meno problemi di gioco. Mi sembra che la squadra abbia capito cosa vuole Pirlo. E’ riuscita a fare risultato anche senza i gol di Cristiano Ronaldo. Deciderà il recupero contro il Napoli e la partita contro l’Inter. La posizione di Chiesa è importante ma tutti hanno capito cosa vuole da loro Pirlo e Pirlo ha capito le caratteristiche dei giocatori».

CR7 – «Senza i gol di Cristiano i giocatori si sentono più responsabilizzati e questo è molto bello per la squadra. E’ un po’ quello che è successo al Milan senza Ibrahimovic, con la squadra che ha fatto cose bellissime anche senza di lui. La stessa cosa può succedere alla Juve».

MILAN – «Ogni allenatore ha delle sue caratteristiche, gestisce la squadra secondo le sue idee. In base alla squadra in cui va a lavorare un allenatore deve cambiare il suo modo di lavorare. Pioli al Milan non ha avuto tanta pressione e la riconferma è la prova della serenità dell’ambiente. Ha perso contro la Juventus ma è come se l’avesse vinta per il modo in cui ha giocato. Secondo me questa freschezza, questa voglia di fare, di correre è in mano all’allenatore. Pioli dovrà capire la rotazione e dare tutti il giusto valore. Sino ad ora l’ha fatto alla perfezione».

INTER – «Per me l’Inter è la favorita per lo Scudetto. Ha tanti giocatori di qualità e la gestione di Conte è molto importante. Conte ha sempre fatto della determinazione e della forza il suo credo e sta facendo lo stesso con l’Inter. Contro la Sampdoria hanno perso una partita particolare, scendendo in campo senza la giusta determinazione. Contro la Roma ho visto una partita molto competitiva. Entrambe hanno avuto momenti in cui si sono smarrite e altri momenti di grande calcio. Secondo me non c’è motivo di chiedere ulteriori rinforzi, tutti gli allenatori italiani sarebbero felici di avere questa rosa».

IBRA O LUKAKU? – «Vanno bene entrambi perché tutte e due fanno la differenza. Sono giocatori che i compagni di squadra che apprezzano, sono giocatori che anche quando non fanno grandissime cose mettono soggezione agli avversari Questo si sente e si vede in campo».

ATALANTA – «L’Atalanta mi piace tantissimo. Gasperini ha preso decisioni importanti d’accordo con la società un fatto molto serio. I giocatori quando sentono una società forte respirano un’altra aria. La Champions League sarà impegnativa e ritengo che la rosa non sia così larga, sopperirà con il suo modo di giocare. Gomez andrebbe bene in tutte le squadre, con le suq qualità fa la differenza».

NAPOLI – «Ha avuto assenze importanti. La qualità die giocatori fa la differenza e al Napoli è mancata questa qualità Ritenevo avesse la difesa più forte del campionato ma sotto questo aspetto sta mancando. Sta mancando anche sotto il profilo della rabbia per essere protagonisti».

NAZIONALE – «Sono stato vicino, sono stato interpellato e ho detto di no perché in quel momento non me la sentivo di prendere in mano una Nazionale».

DERBY DI ROMA – «E’ da tempo che dico che mi piace molto la Roma per il modo in cui gioca. Se gioca sempre come ha giocato come negli ultimi 20 minuti contro l’Inter, può essere considerata una grande squadra. La Lazio è viva ma anche a Simone Inzaghi mancano tanti giocatori e questo fa la differenza. Ma il derby è una partita particolare».