Brocchi: “Ieri gara perfetta, ora sotto con i viola”

© foto www.imagephotoagency.it

Ieri si è dovuto accontentare di guardare le gesta dei suoi compagni dal salotto di casa sua. A causa dell’infortunio al piede che lo tiene fuori, Christian Brocchi deve accontentarsi della tv. Nonostante ciò il mediano ha vissuto ugualmente con grande entusiasmo, e ha commentato così ai microfoni di Lazio Style Radio la convincente prova dei compagni in quel di Stoccarda: E’ stata una gara perfetta, intelligente, tutti hanno corso tanto per la causa: quando è così, è difficile battere la Lazio. E’ stato un vero piacere vederli giocare. Abbiamo fatto girare meglio il pallone rispetto alle ultime partite. Siamo stati più tranquilli e abbiamo avuto la giusta personalità per giocare bene e imporci anche a livello tecnico”.

Brocchi sa bene che nonostante il doppio vantaggio, la gara di ritorno nasconde alcune insidie ma si dice comunque fiducioso: “La partita di ritorno sarà strana se davvero dovesse disputarsi a porte chiuse. Dovremo fare in modo che i nostri avversari non acquisiscano fiducia, in trasferta hanno dimostrato di essere molto pericolosi. Questa è casa nostra, e dovremo fargli capire che qui non c’è n’è per nessuno.

Arrivati a questo punto della competizione è inutile fare calcoli sugli avversari che potrebbero trovare i suoi compagni ai quarti, bisogna andare avanti perseguendo l’obiettivo finale: “Qualsiasi squadra ti può regalare emozioni diverse, più che l’avversario conta proprio l’emozione di poter raggiungere un grande obiettivo”.

Brocchi ha poi reso onore alle ottime prestazioni del giovane compagno nigeriano Onazi e del brasiliano Ederson: “Avevo già avutoparole d’elogio per Eddy, ha davanti a sé un grande futuro. Ora è tutto nelle sue mani. Deve crescere ancora tanto, come tutti i giovani del resto: se resterà umile e continuerà a lavorare bene diventerà importante per la Lazio e non solo. Ederson, nonostante la giovane età, vanta già esperienze importanti. In questo finale di stagione potrebbe farci fare il salto di qualità. Si tratta di un ragazzo sempre sorridente, un qualità in più. Speriamo che possa tornare a esprimersi sui suoi livelli, anche se già ora ci ha fatto vedere cose molto interessanti”.

Poi uno sguardo alla prossima partita, lo scontro diretto con la Fiorentina, di cui Christian è un ex: “Sarà una gara difficilissima, la Fiorentina ha passato momenti difficili… Fino ad ora è andata oltre le aspettative e ha fatto capire che può dire la sua in questa stagione. E’ una concorrente per l’Europa, ma noi giocheremo di fronte ai nostri tifosi… Più, che a loro, dobbiamo pensare a noi stessi, perché i punti varranno doppio”.

La trasferta di Milano e gli errori arbitrali che l’hanno condizionata va lasciata alle spalle al più presto secondo Brocchi: “Noi calciatori sbagliamo, così sbagliano gli arbitri. Sicuramente è stato fatto un errore, sicuramente è stata un’espulsione ingiusta e ha inciso sul risultato. L’espulsione ha condizionato la prestazione della squadra, come tutti sanno Antonio dà sempre un grande apporto sia in fase offensiva che difensiva, riesce con le sue giocate a creare occasioni importanti. Purtroppo però il calcio va così, a volte sei fortunato e altre volte no”.

Il centrocampista ha poi commentato ironicamente le voci che insinuano che la Lazio avrebbe tirato volutamente il freno nella corsa al terzo posto: “La cosa bella è che ognuno può dire la sua, ma è assurdo che qualcuno possa dire che noi giocatori non vogliamo arrivare al terzo posto: per quale motivo dovrebbe accadere ciò, chi pensa solo una cosa del genere non sa cosa significhi giocare per grandi traguardi”.

Lui intanto continua a lavorare per riprendersi dall’infortunio covando il sogno di rientrare prima della fine della stagione: “Abbiamo deciso di tenere il ferretto nel piede una settimana in più. Attendiamo l’esito del controllo di martedì, poi decideremo il da farsi. Il dott. Lovati mi sta seguendo passo passo, stiamo facendo tutto il possibile”.

Articolo precedente
Dott. Salvatori: “La riabilitazione degli infortunati procede bene”
Prossimo articolo
Auguri a Mirko Fersini. Oggi avrebbe compiuto 18 anni…