Bonatti: «La Lazio deve dimostrare i suoi valori, merita questa Coppa Italia»

bonatti primavera
© foto Lazionews24

Mister Bonatti dice la sua sulla finale di questa sera tra Juventus e Lazio

Se la prima squadra di Inzaghi ha sorpreso tutti, la Lazio Primavera non è stata da meno. Quella che per i ragazzi di mister Bonatti doveva essere una stagione di transizione, si è rivelata invece ricca di emozioni e soddisfazioni. Merito soprattutto del mister che è stato in grado di ridare smalto alla rosa e valorizzare i proprio giocatori. Stasera, però, la sua attenzione sarà tutta per la finale tra Juventus e Lazio e – attraverso le frequenze di Lazio Style Radio – dice la sua: «Mi aspetto una partita tattica. I due allenatori possono portare correttivi a gara in corso per trovare soluzioni più efficaci. Sarà una finale bloccata, ma la Lazio si presenta con autostima e un buon bagaglio di sicurezza. C’è la consapevolezza di avere dei valori da mostrare sul campo al cospetto di una grande squadra. La difesa a tre? Inzaghi ha fatto vedere di poter cambiare di partita in partita, per questo potrebbero esserci anche delle chiave tattiche differenti. Sento comunque in me gran fiducia, la nostra prima squadra ha dimostrato di saper crescere e affrontare con autorevolezza le partite importanti, proprio come una grande squadra».

ALLO SPECCHIO – «I due tecnici? Ci sono differenze nel loro percorso. Inzaghi ha svolto un ottimo lavoro, passando a una prima squadra importante e facendo bene in una piazza pressante come Roma. Ha grandi qualità e ha cambiato spesso adattandosi all’avversario, ma esprimendo un buon gioco e valorizzando il potenziale tecnico a disposizione. Allegri ha cambiato invece schieramento di gioco, ma è ancorato comunque a un sistema».

TIFO – «Tifo per la Lazio perché sono sotto contratto. Mi auguro che vinca perché porta beneficio ed entusiasmo a tutto l’ambiente. Inoltre il percorso che ha fatto merita il coronamento con un finale positivo. I ragazzi della Primavera coi grandi? È una bella soddisfazione, bisognerà vedere nel futuro se il tempo darà loro ragione. Spero che il mio insegnamento possa garantire loro un futuro roseo».

PRIMAVERA – «Lo Scudetto? Cercheremo di adattarci a questo caldo estremo che influisce sull’allenamento. Abbiamo abbassato i carichi di lavoro e faremo delle amichevoli. Terremo alta la concentrazione: ci sarà una partita secca e non mi piacerebbe tornare a casa».