PRIMAVERA Lazio, Armini: «Mi alleno il doppio per perfezionarmi, Luiz Felipe un esempio»

nicolò-armini-primavera
© foto @Instagram

Capitano e difensore della Lazio Primavera, Nicolò Armini è intervenuto sulle frequenze ufficiali biancocelesti per raccontare queste giornate

Anche il campionato Primavera è in attesa. Non si conoscono le sorti dei giovani aquilotti di mister Menichini, ma non si fermano gli allenamenti casalinghi: la baby Lazio si farà trovare pronta, in caso di ripresa. A Lazio Style Radio, Nicolò Armini, ha raccontato come sta vivendo queste giornate:

«Stiamo seguendo un programma di allenamento che ci hanno dato mister e preparatore atletico. Mi alleno il doppio di quanto avrei fatto normalmente, anche grazie al mio personal trainer. Passare tutto questo tempo a casa per me è strano, però guardo sempre il lato positivo. Cerco di perfezionarmi. Magari faccio due scambi a pallone anche con i miei cugini in giardino, ho questa fortuna quindi non sto chiuso in casa. Poi Netflix, PlayStation. I compagni di squadra? Ci sentiamo con delle chiamate di gruppo su Zoom. Ci mandiamo anche video con degli esercizi per gli allenamenti e ci sfidiamo spesso». 

PERCORSO «Avevamo trovato la giusta quadratura, per questo siamo stati un po’ penalizzati. Quest’anno la classifica è molto corta, si oscilla spesso tra zona playout e playoff. Speriamo si possa ricominciare presto perché la squadra c’è, era in sintonia e aveva trovato equilibrio. Rispetto alla Primavera 2 il campionato è diverso, è tutto un altro livello. A inizio anno non riuscivamo a concretizzare tutte le azioni create. Prima del derby venivamo da tante sconfitte consecutive. Ci siamo parlati, dicendo che non potevamo ripetere quanto successo due anni fa. Abbiamo vinto contro la Roma e da lì è cambiata la nostra stagione».

CRESCITA – «Io mi sono messo a disposizione di mister Menichini in un nuovo ruolo, ma non c’è problema: dove lui mi mette, io gioco. Sono cresciuto da difensore centrale di difesa a 4. Poi l’anno scorso ci schieravamo a 3 come la prima squadra, e ho iniziato a giocare anche sul centrodestra. Tornando a 4 abbiamo trovato equilibrio con me nel ruolo di terzino destro, quindi il mister mi ha lasciato lì. A me piace portare palla, salire, impostare. Per esempio mi piace molto Luiz Felipe, è cresciuto molto. Giocare da terzo di difesa è bello, perché sei più libero in marcatura, puoi sovrapporti sulle fasce, andare a prendere alto l’attaccante. Se nascondo le emozioni? Fa parte del mio carattere. Quando ho esordito in Serie A ho realizzato tutto dopo, avevo i miei genitori in tribuna, il mio fratellino a fare il raccattapalle e io stavo in campo. Da laziale la squadra era in svantaggio e io ho pensato solo a cosa fare. Ringrazio mister Inzaghi anche per avermi dato l’opportunità di esordire in Europa League».

NAZIONALE «Rappresentare la mia nazione è un motivo d’orgoglio. Poi giocare con l’Italia mi ha dato maggiore esperienza per quando tornavo alla Lazio, ti confronti con gli italiani più forti della tua età, è bellissimo».

PRIMA SQUADRA «Rispetto a due anni fa la prima squadra ha cambiato modo di giocare. Con Luis Alberto dietro Immobile c’era un atteggiamento attendista, invece adesso si parte subito col pressing. In fase di impostazione è molto importante eludere la prima pressione avversaria, poi ti si apre il campo. Mi piace questo pressing forsennato: quando rubi palla nella metà campo degli avversari diventa tutto più facileLa difesa si diceva fosse il punto debole, ma il mister e lo staff hanno aggiustato tutto con il loro lavoro. Gli vanno fatti i complimenti».

RIPRESA «Io mi alleno con la speranza e l’obiettivo che si possa tornare a Formello il prima possibile. Do il massimo ogni giorno per questo. Anche se i campionati dall’Under 18 in giù sono stati cancellati, io non desisto. Il mister ci dice di stare tranquilli. Stiamo tutti bene e per questo siamo dei ragazzi fortunati».

Iscriviti gratis alla nostra Newsletter

Privacy Policy