Agostinelli non ha dubbi: «Alla Lazio manca Milinkovic»
Connettiti con noi

Hanno Detto

Agostinelli non ha dubbi: «Alla Lazio manca Milinkovic. Quarto posto? Sono sfiduciato per un motivo»

Pubblicato

su

Andrea Agostinelli, ex calciatore, ha commentato il momento della Lazio dopo la sconfitta di ieri contro l’Atalanta

Intervistato da Notizie.com, Andrea Agostinelli ha parlato così di Atalanta-Lazio:

PAROLE – «Non è la prima partita che la Lazio fa in questo modo; in più di un’occasione ha fatto fatica e non ha creato palle gol. Quest’anno è accaduto fin troppo spesso. Nelle ultime gare, derby compreso, sembrava essere tornata una buona Lazio, non brillante ma concreta, mentre nella semifinale di Riad e ieri sembra che non sia proprio scesa in campo. Non è mancato solo il gioco ai biancocelesti, ma anche la determinazione. E’ vero che ci sono stati i meriti dell’Atalanta e i demeriti della Lazio, ma i bergamaschi non hanno fatto chissà cosa, hanno fatto la loro partita. Non creare mai, non tirare mai in porta è un demerito, non c’entra la prestazione dell’avversario. Il problema della Lazio non è tattico, sono convinto che Sarri continui a lavorare allo stesso modo. La questione è che non rispondono i grandi calciatori, non si può pensare che il giovane di turno tiri fuori la squadra da questa situazione. Mancano le prestazioni dei giocatori rappresentativi. È un insieme di cose: Felipe Anderson, Luis Alberto che ha firmato per quelle cifre per 5 anni, Zaccagni che c’è e non c’è, Immobile che spesso manca e non può essere sempre quello da 25 gol, i nuovi che hanno bisogno di tempo e l’assenza di Milinkovic che non si pensava potesse pesare così tanto. Le prove dei big sono al di sotto delle loro capacità e Milinkovic dava una mano con gol ed assist. Io credo che quando le cose vanno male le responsabilità non sono solo della società o del tecnico, vanno divise. Per rimpiazzare Milinkovic sono stati presi buoni giocatori: Rovella, Guendouzi e Kamada sono ottimi profili, ma oggi si vede che erano le caratteristiche di Sergej che permettevano, insieme a Luis Alberto, di legare il gioco con gli attaccanti. Milinkovic è abile anche con le palle aeree e offriva alla Lazio la possibilità di variare, di avere più soluzioni. Detto questo, non è una scusante il fatto che non ci sia lui perché è chiaro che la Lazio a prescindere può fare meglio di quello che vediamo, ma il problema è che la squadra non crea azioni pericolose. Adesso la Lazio è in difficoltà. Anche se i punti di distacco dal quarto posto sono pochi, ci sono tante squadre in lotta. Ad oggi non ho fiducia nella squadra, perché i numeri dell’attacco preoccupano. Se la Lazio perdesse creando tante palle gol significherebbe che il momento è sfortunato, ma così sono sfiduciato».

Copyright 2023 © riproduzione riservata Lazio News 24 - Registro Stampa Tribunale di Torino n. 46 del 07/09/2021 Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 26692 - PI 11028660014 Editore e proprietario: Sport Review s.r.l. Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a S.S. Lazio S.p.A. Il marchio Lazio è di esclusiva proprietà di S.S. Lazio S.p.A.