Tudor: l’avvocato dal giallo facile

© foto www.imagephotoagency.it

Sarà il romeno Tudor ad arbitrare il match contro lo Stoccarda. Non è un esordio contro i biancocelesti, il fischietto ‘Tricolorii’ ha gia arbitrato la Lazio. Era il 2 dicembre 2009, sempre Europa League, partita Salisburgo – Lazio 2-1. Precedente non confortante soprattutto per gli episodi controversi dove l’arbitro fu protagonista. A 12 minuti dal termine ci fu un rigore sacrosanto non fischiato a Zarate, nel contropiede successivo il Red Bull Salisburgo infilò Muslera eliminando di fatto i capitolini dalla competizione. Ancora era tutto in bilico, Foggia aveva rimesso le cose apposto dopo il vantaggio di Afolabi ma l’arbitro ci mise del suo e per gli uomini di Ballardini fu tutto inutile. ‘Brad Pitt’, così viene chiamato in patria Tudor ( non per l’assomiglianza con il divo hollywodiano ma per una battuta fatta da un dirigente di una squadra romena al termine di una partita furioso per la sconfitta), ha l’ammonizione frenetica sventolando sotto il naso dei calciatori per moltissime volte il cartellino giallo. Proprio in quel precendente furono sei i calciatori della Lazio ammoniti (Diakité, Brocchi, Zarate, Muslera, Eliseu e Mauri) e anche questa volta i diffidati di Petkovic saranno della stessa quantità (Ciani, Mauri, Gonzalez, Kozak, Cana e Cavanda). Massima attenzione quindi, anche perchè il fischietto dall’ammonizione facile quest’anno ha gia arbitrato un italiana,il Napoli contro il Psv, ammonendo ben otto calciatori partenopei. In patria Tudor svolge la pratica di avvocato ed è una persona molto religiosa, nel 1989 appese gli scarpini al chiodo dopo aver ricevuto un colpo di pistola alla gamba durante la Rivoluzione Romena, da li in poi intraprese la via del fischietto. Deriverà proprio dal suo essere difensore della legge nella vita la sua fiscalità in campo?

Condividi
Articolo precedente
Lazio in partenza: decollo avvenuto, tutti sorridenti, Ciani twitta
Prossimo articolo
Avvocato Gentile: “Ricorso presentato, aspettiamo la data dell’udienza”