Tassotti: «Lazio, puoi vincere. Anche se spero nella passaggio della Dinamo Kiev»

© foto www.imagephotoagency.it

Mauro Tassotti ha analizzato il match di Europa League che si giocherà alle ore 19.00, Dinamo Kiev-Lazio

«Contro le squadre ucraine non è mai stato semplice per nessuno», esordisce così Mauro Tassotti ai microfoni de Il Messaggero. Nato calcisticamente nel settore giovanile della Lazio, l’ex terzino della Nazionale, attualmente vice allenatore della Nazionale Ucraina di Andriy Shevchenko, prova ad analizzare il match che sarà disputato questa sera: «La Lazio dovrà stare attenta a non ripetere gli errori dell’andata, ma ha la forza per passare. Ho visto la partita dell’Olimpico, la Dinamo Kiev ha meritato il risultato. Per la Lazio giocare campionato e coppe non è facile e con il turnover non sempre si può avere la testa giusta. La qualificazione si è fatta complicata, tuttavia ci sono i giocatori con le qualità per poter vincere a Kiev».

Secondo Tassotti il vero “nemico” dei biancocelesti potrebbe essere la neve.
«Ci sarà l’insidia del tempo e delle condizioni del terreno di gioco: a Kiev fa molto freddo. E’ una variabile importante per una squadra che dovrà attaccare e fare gol. I giocatori da tenere d’occhio sono i “soliti noti”, Viktor Tsygankov, un giovane promettentissimo, già nel giro della Nazionale ucraina e Moraes, che in Europa League ha segnato tanto. La Dinamo ha tanti ragazzi forti che seguiamo per la Nazionale, è un’ottima squadra: loro e lo Shakhtar ci danno tre quarti dei giocatori».

Tassotti, per la crescita del movimento, spera in un passaggio degli ucraini.
«Già (ride, ndc). Noi siamo italiani ma lavoriamo per l’Ucraina e se le squadre di club potessero continuare il loro percorso di coppa ci farebbe comodo: sarebbe tutta esperienza per i ragazzi della Nazionale».

Articolo precedente
inzaghiLazio, tanti dubbi di formazione. Inzaghi: «Immobile potrebbe riposare»
Prossimo articolo
Silvagni: «Con la Dinamo servirà esperienza. VAR? L’unica spiegazione è che diamo fastidio…» – ESCLUSIVA