Proto: «Nella nostra testa c’era il derby anche a Francoforte! Europa? Tutto è nelle nostre mani»

proto
© foto www.imagephotoagency.it

Al termine dell’allenamento di questo pomeriggio a Formello, Silvio Proto ha analizzato il momento che sta vivendo con la Lazio

Al termine dell’allenamento odierno della Lazio in quel di Formello (QUI il report), Silvio Proto – sceso in campo con l’Aquila sul petto finora solamente  in Europa League – è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Channel dove ha analizzato il momento che sta vivendo tra le fila del club biancoceleste: «La squadra sta lavorando bene, avremo due settimane per preparare il prossimo impegno, è stato positivo aver vinto contro la Fiorentina, ora dovremo concentrarci per prendere i tre punti a Parma e poi possibilmente anche a Marsiglia per ottenere un buon risultato e vincere anche lì».

MOMENTO PERSONALE  – «Mi sento bene in Italia, ogni giorno lavoro al meglio con il preparatore Grigioni ma anche con Strakosha e gli altri portieri, mi piacciono le sedute qui alla Lazio. A 35 anni continuo a crescere, non mi sono mai allenato così prima d’ora, è una cosa positiva per me così continuo ad imparare».

DERBY – «Nel derby avremmo dovuto segnare prima, avevamo avuto qualche occasione per farlo: avessimo segnato noi, sarebbe stata una partita diversa. Quella sconfitta è rimasta nella nostra testa anche contro il Francoforte. Seguo la Serie A da anni. Qui un paio di elementi possono fare la differenza in ogni squadra mentre in Grecia era più il collettivo a decidere le partite».

EUROPA LEAGUE – «Dovremo guardare gara dopo gara e se dovessimo riuscire a vincere a Marsiglia, sarebbe un bene per noi, ma anche un pareggio al Velodrome ci consentirebbe ancora di avere tutte le opportunità per qualificarci alla fase successiva. L’Eintracht è un avversario forte ma abbiamo ancora tutto nelle nostre mani. Dovessimo battere l’OM potremmo anche addirittura arrivare primi nel gruppo H».

Articolo precedente
lukakuFORMELLO – Inzaghi contento a metà: si rivede Lukaku, ma Luis Alberto è ancora ai box
Prossimo articolo
CucchiSvolta nella vicenda Cucchi, carabiniere ammette il pestaggio. La sorella: «Lo Stato deve chiederci scusa!»