Immobile: «Un onore giocare alla Lazio, sono rimasto nonostante le offerte»

calciomercato Lazio napoli
© foto www.imagephotoagency.it

Immobile negli studi di Lazio Style Channel ha ribadito l’amore per la Lazio, nonostante molte offerte ha deciso di restare in biancoceleste

E’ solo l’inizio di una lunga storia d’amore. Immobile e la Lazio camminano insieme, l’aquila ormai è entrata nel cuore del bomber napoletano. A margine dell’incontro avvenuto negli studi di Lazio Style Channel con gli alunni della quinta elementare dell’Istituto Sacro Cuore di Gesù Farnesina, Immobile ha confermato l’affetto per il club rispondendo ai quesiti degli studenti. Queste le dichiarazioni del bomber biancoceleste: «Quando sono in campo sento sempre il mio nome e mi emoziono ogni volta: è bello sentirsi chiamare a gran voce da così tante persone all’interno dello stadio. Per me è un grande onore giocare nella Lazio, sono rimasto qui nonostante mi avessero offerto ingaggi più onerosi».

FAMIGLIA E SPOGLIATOIO – Per il cannoniere biancoceleste è fondamentale anche la famiglia e parla del rapporto con i compagni e gli avversari: «Nel mio tempo libero sto con mia moglie, con le mie figlie e gioco alla PlayStation. Da quando abbiamo iniziato a giocare in Europa, ho meno tempo per stare con la mia famiglia, ma riesco a ritagliarlo. Nello spogliatoio ridiamo e scherziamo ed in altri momenti cerchiamo di far sorridere anche chi sta trascorrendo momenti negativi. Gli avversari li consideriamo colleghi e salutiamo sempre i calciatori che conosciamo o con i quali abbiamo già giocato, ma proviamo sempre a batterli. Mio padre mi ha trasmesso la passione per il calcio: a mio fratello non piaceva questo sport, per me invece è diventato da subito un grande divertimento. Piangevo quando i miei genitori non mi mandavano a calcio a causa del mio rendimento scolastico: il pallone è diventato la mia vita».

Paolo Pieramici – LazioNews24

Articolo precedente
Sean Cox, condannato il tifoso della Roma: la sentenza
Prossimo articolo
Calciomercato Lazio brahimiBrahimi-Lazio, Conceição: «Decide il presidente»