Pagelle di Milan-Lazio: Caceres attentissimo, Immobile impreciso, che giocatore Luiz Felipe!

Immobile
© foto www.imagephotoagency.it

Le pagelle di Milan-Lazio, semifinale d’andata di Coppa Italia terminata con il risultato di 0-0. Tante occasioni per i biancocelesti che avrebbero meritato miglior sorte

STRAKOSHA: Primo tempo da spettatore non pagante. Nel secondo viene chiamato a un intervento difficilissimo e risponde presente abbassando la saracinesca. VOTO: 6.5

CACERES: Buona la prima! Mette in campo la personalità e l’esperienza che gli hanno permesso di riempire la propria bacheca di trofei. Preciso, puntuale e sempre concentrato. Ora è ufficiale: la Lazio ha un titolare in più. VOTO: 6.5

LUIZ FELIPE: Il migliore in campo per distacco è lui. Annulla Kalinic non lasciandogli un pallone giocabile. Regge il confronto fisico e in velocità. Praticamente insuperabile! VOTO: 7.5

RADU: Ha un avversario scomodo come Suso, uno di quelli che più lo ha messo in difficoltà negli ultimi anni. Lo contiene bene recuperando molti palloni anche nella metà campo avversaria. Conferma di essere nel suo miglior anno di Lazio. Non sbaglia una partita. VOTO: 6.5

BASTA:  Spinge e difende con molta intensità. Felipe Anderson gli serve un pallone d’oro, ma non riesce a capitalizzarlo. Mette sempre in difficoltà Borini, costretto a una partita prettamente difensiva. VOTO: 6

PAROLO: Inzaghi non rinuncia mai a lui e anche questa sera Marco ha dimostrato perché. Non si ferma mai, attacca e difende come un ventenne pur avendo compiuto 33 anni da poco. La sua maglia è sempre la più sudata. VOTO: 6 (DAL 76′ NANI: S.V.)

LUCAS LEIVA: Non sbaglia mai la partita, figuriamoci quelle con un’importanza superlativa. Davanti la difesa è un muro, recupera e imposta. Non disdegna qualche inserimento. Borini gli toglie dalla testa un gol ancora mai trovato, ma che meriterebbe. Al momento ha pochi rivali in Italia e in Europa. VOTO: 6.5

MILINKOVIC: In leggero calo nell’ultimo periodo. Ha tante occasioni per far male al Milan, ma non trova mai il guizzo giusto. Pecca di lucidità negli ultimi metri; avrà occasione di riposarsi contro il Genoa dove sarà assente per squalifica. VOTO: 6

LUKAKU: Punta sempre Abate e raddoppia su Suso con precisione. E’ una vera spina nel fianco per Abate che non supera mai la metà campo. Nella ripresa mette una palla perfetta sulla testa di Immobile che non lo sfrutta al meglio. VOTO 6:5

FELIPE ANDERSON: Si posiziona tra le linee mettendo in difficoltà Biglia che non lo prende mai. Come il solito manca di cinismo negli ultimi metri, ma oramai ci siamo abituati. VOTO: 6 (Dal 63’ LUIS ALBERTO: Da qualità e fantasia negli ultimi metri pur non avendo grosse occasioni per mettersi in mostra. VOTO: 6)

IMMOBILE: Tanta sostanza e corsa come sempre. Pecca di lucidità negli ultimi metri, complice anche le condizioni non proprio perfette. Non prende incredibilmente la porta nell’occasione del primo tempo, mentre nel secondo trova un grande intervento di Donnarumma. Polveri bagnate. VOTO: 6 (Dall’83’ LULIC: s.v.)

INZAGHI: Dimostra coraggio e di credere a pieno nel proprio gruppo quando in assenza di de Vrij lancia dal primo minuto Luiz Felipe e lascia in panchina Wallace. Vuole vincerla e lo conferma nel finale quando al posto di Parolo inserisce Nani. Questa sera alla sua squadra è mancato solo il gol. Partita tatticamente perfetta. VOTO: 6.5

Articolo precedente
Milan-Lazio 0-0, pagelle e tabellino
Prossimo articolo
milanMilan, Gattuso: «Lazio grandissima squadra! Non aver subito gol varrà doppio…»