Inzaghi: «Ci giocheremo la finale all’Olimpico». E su Cutrone e de Vrij…

Fiorentina - Lazio
© foto www.imagephotoagency.it

Simone Inzaghi: «Rapporto splendido con de Vrij, speriamo rinnovi. Cutrone? Mi ha chiesto scusa»

Termina con un pareggio la gara d’andata della semifinale di Coppa Italia tra Milan e Lazio. Al termine della partita mister Simone Inzaghi ha parlato ai microfoni di  Rai Sport«Contento per la prestazione, dovevamo essere più lucidi sottoporta. C’è rammarico perchè per 70′ abbiamo dominato la partita. Ci giocheremo la finale in casa sapendo che c’è l’obbligo di conquistare la vittoria. Cutrone? Gli ho fatto i complimenti perchè ha tutto il futuro davanti, è un ottimo calciatore. Ha detto che non si è accorto di aver toccato il pallone con la mano perchè non aveva visto le immagini. Anche noi ce ne siamo accorti dopo, così come la VAR. Si è scusato, io gli ho detto che non c’era bisogno, anzi gli ho fatto i complimenti. I ragazzi hanno un grandissimo spirito, ora avremo tante partite, vogliamo questa finale a tutti i costi e vogliamo andare avanti anche in Europa League. In campionato per il momento siamo davanti e cercheremo di restarci. Milinkovic? E’ un giocatore giovanissimo, del ’95. Riesce ad unire quantità alla qualità, cosa difficile nel calcio di oggi. Per me sarebbe pronto per una big già da ora ma la mia speranza è quella che rimanga ancora un’altra stagione con noi. Lunedì sarà squalificato ma al suo posto giocherà un altro. Lui deve continuare a lavorare ogni giorno. De Vrij? Parlo spesso con lui, è molto legato alla Lazio. Il mio augurio è che rimanga con noi, è la nostra colonna ed il nostro leader. Speriamo che alla fine rinnovi».

L’allenatore biancoceleste è poi intervenuto così in conferenza stampa: «C’è rammarico, non abbiamo fatto gol ma avremmo meritato di vincere. Donnarumma è stato bravo. Al ritorno avremo un match-point ma non sarà facile. Luiz Felipe? Già a Salerno aveva fatto bene e quest’anno si è messo subito a disposizione dimostrando di essere all’altezza. San Siro stregato? Tra domenica e oggi abbiamo fatto due buone gare, stasera però avrei voluto segnare almeno un gol. Evidentemente qui a San Siro c’è una porta di vetro. Al ritorno all’Olimpico sarà una battaglia, il Milan è una squadra ben allenata. Cutrone? Non dovevamo chiarirci, mi ha detto che domenica non pensava di aver colpito il pallone con la spalla; dopo aver rivisto le immagini ha capito che il suo gol doveva essere annullato. Gli ho detto che non doveva scusarsi e gli ho fato i complimenti, è un ragazzo di cui sentiremo parlare».

Inzaghi ha poi parlato anche ai microfoni di Lazio Style Channel: «Di questa gara mi porto via la prestazione, è stata un’ottima partita anche se c’è rammarico per il risultato. Qui a San Siro probabilmente quest’anno non deve andare: abbiamo giocato tre partite pareggiandone due e perdendone una quando avremmo meritato di vincerle tutte. Adesso sappiamo che al ritorno dovremo vincere. Rispetto alla gara di campionato c’è stata una reazione, c’è un pò di rammarico ma il Milan è in salute e ha fatto la sua partita. Noi siamo stati bravi negli ultimi 15 minuti quando loro hanno alzato i ritmi. Avrei voluto mettere Nani dal 1′ poi ho optato per Immobile perchè stava bene. L’ingresso di Senad poi ci ha rimesso a posto tatticamente. Caceres? Sono stati bravi tutti, anche Luiz Felipe e Radu; bene anche Milinkovic a centrocampo e Felipe e Immobile davanti. Penso che abbiam fatto un’ottima presta di gruppo, abbiamo lavorato bene negli ultimi due giorni e in campo si è vista una squadra che meritava la vittoria. Lukaku? E’ migliorato tanto, è giovane e sta lavorando per crescere sempre di più. Ha la concorrenza del capitano ma è molto positivo».

Articolo precedente
Milan, Romagnoli e Bonucci: «Fortunati a non subire gol»
Prossimo articolo
felipe andersonSocial, Strakosha e Anderson: «Forza Lazio! Sempre a testa alta» – FOTO