Primavera, Falbo: «Il ritiro è andato bene. Menichini ci aiuterà a crecere». 

primavera
© foto www.imagephotoagency.it

Uno dei cinque fuori quota della Lazio Primavera sarà Luca Falbo, intervenuto ai microfoni ufficiali del club

Terzo anno in Primavera per il classe 2000 Luca Falbo, che in questa stagione sarà uno dei cinque fuori quota a disposizione di Menichini. Dal ritiro di Pietralunga, l’esterno sinistro ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Lazio Style Radio: «Il ritiro è andato molto bene, non è stato pesante ma abbiamo lavorato molto su resistenza e corsa ma anche sulla fase tattica. Vogliamo arrivare preparati all’inizio del campionato. Ci sono tanti volti nuovi, alcuni stranieri, alcuni in prova, però si è formato già un bellissimo gruppo. Abbiamo passato dei bei giorni insieme». 

CAMBIO IN PANCHINA – «Ci stiamo trovando molto bene con Menichini e D’Urso. Anche con lo staff c’è un bel rapporto. Si vede che vengono da esperienze importanti. Ci stanno trattando come se fossimo giocatori di una prima squadra. Questo è importante per noi, per il futuro. Se vogliamo diventare grandi dobbiamo farci trovare pronti. Gli allenamenti sono sempre ben strutturati». 

TERZO ANNO – «Noi più grandi abbiamo già affrontato il campionato Primavera 1, poi come dicevo, Menichini ha affrontato palcoscenici importanti, e questo può aiutarci. Noi che abbiamo più esperienza dovremo metterla al servizio della squadra. Non si ripartirà da zero. Siamo ad un buon punto. I nuovi si sono inseriti tutti». 

OBIETTIVI «Ne abbiamo parlato nello spogliatoio. Con il mister non abbiamo ancora affrontato il discorso. Sarà un campionato positivo, l’età media si è alzata dopo la riforma dei fuori quota. Non ci saranno partite facile, tutte le gare saranno fondamentali e rischiose. Obiettivi? Dobbiamo crescere come giocatori. L’intento del mister è di far giocare bene la squadra, con tanto palleggio. Addormentare il gioco per trovare uno spazio o un punto debole per poi fare male. Speriamo di fare un grande campionato. Spero di fare più assist possibili e magari anche qualche gol. Lo scorso anno sono stato sfortunato. Sistema di gioco? Abbiamo provato spesso il 4-3-1-2. Dobbiamo imparare bene i movimenti. Prima giocavamo a tre dietro, ora è tutto molto diverso. Io giocherò come esterno di difesa. Dovrò stare un po’ più in copertura, anche se gli esterni bassi dovranno spingere molto. Derby? Non ne abbiamo ancora parlato. Sappiamo che sarà alla nona giornata. Ci sarà tanta emozione ma anche cattiveria agonistica».