Freund, ds Salisurgo: «Berisha non ha avuto dubbi a scegliere la Lazio». E su Caleta-Car…

infortunio Berisha lazio
© foto @LazioNews24

Valon Berisha è un nuovo giocatore della Lazio. Dopo la lunga parentesi al Salisburgo è pronto a convicnere anche il panorama biancoceleste

«Grazie di tutto» Valon Berisha saluta così il Salisburgo, la squadra in cui ha militato per sei anni facendolo diventare un giocatore importante. Un colpo di mercato accolto con entusiasmo dai tifosi della Lazio che non aspettano altro che vedere la grinta del giocatore in mezzo al campo. A Gazzetta.it, il ds austriaco Christoph Freund ha parlato così del ragazzo: «È un centrocampista completo, è bravo tecnicamente e forte fisicamente. Può ricoprire diversi ruoli, è bravo sia in un centrocampo a tre che in un centrocampo a due. Può fare l’interno e il regista e può esser schierato anche più avanti, a sostegno degli attaccanti. È molto ambizioso e questo, a certi livelli, aiuta sicuramente. Inoltre è molto intelligente, parla perfettamente 4-5 lingue, ha imparato in fretta il tedesco che è una lingua difficile, il che dimostra che è un ragazzo con la testa sulle spalle. Sono convinto che si inserirà in fretta. C’erano diversi club su di lui, il merito del suo arrivo è di Tare. Gli ha dimostrato subito grande apprezzamento e il fatto che gli abbia parlato in albanese di certo ha aiutato. Appena si è fatta viva la Lazio non ha avuto dubbi. Sia per il prestigio del campionato italiano sia per il valore del club biancoceleste».

Ma tra Lazio e Salisburgo, le operazioni sembrano non finire: nell’interesse dei capitolini ci sono infatti anche Caleta-Car e Schlager: «Sinceramente con Tare non abbiamo parlato di altri giocatori. Però mi ha detto che nella nostra rosa secondo lui ci sono profili interessanti. Forse in futuro potremmo aggiornarci. Nelle prossime finestre di mercato qualche operazione sarà possibile».

Articolo precedente
giampaolo sampdoriaGiampaolo ammette: «Ho un’ammirazione per la Lazio, è tra le big del campionato»
Prossimo articolo
Parolo lazioMilitello: «Mi piacerebbe conoscere la versione di Parolo». De Martino e Diaconale: «Vicenda ingigantita»