Felipe Anderson: «Mercato? Sono concentrato sulla Lazio. Per me conta solo aiutare la squadra»

Fiorentina - Lazio
© foto www.imagephotoagency.it

Felipe Anderson si racconta. Una lunga intervista rilasciata a Lance.br in cui parla dell’infortunio, dell’Europa e del mercato estivo

La Lazio ha ritrovato Felipe Anderson. Il brasiliano che negli anni ha fatto innamorari tutti col suo dribbling e i suoi giochi punta-suola è tornato alla sua forma migliore. Ha attraversato la tempesta dell’infortunio e ne è uscito più forte di prima. Ha superato le critiche, i malumori e i dissapori, ha ritrovato quel luccichio che lo ha sempre reso decisivo. A Lance.br, si è raccontato in una lunga intervista:

Come hai vissuto la prima parte di questa stagione?
«Ho giocato davvero poco nella prima parte di stagione a causa di un dolore che avvertivo, solo dopo ho scoperto che avevo una lesione alla coscia sinistra durante la preparazione ad Auronzo. Da quel momento in poi, l’attenzione si è concentrata sul lavorare in modo da tornare solo al 100% delle mie capacità fisiche. Ci è voluto un po’, è stato un momento in cui dovevo avere molta pazienza e dedizione, ma grazie a Dio è passato. Ringrazio molto per il sostegno che ho ricevuto da tutti, in particolare dalla mia famiglia e dai miei due fratelli, Julianderson e Juliana, che si sono sempre dedicati ad aiutarmi in tutti gli aspetti. Dedico questo bel momento che sto passando di nuovo a tutte quelle persone che fanno parte della mia vita e si preoccupano per me. Penso che questa buona fase abbia molto a che fare con questo problema di non avere più limiti a fare ciò che voglio sul campo. Questo è fondamentale».

Come valuti la Dinamo, il loro risultato all’Olimpico è stata una sorpresa?
«Se hanno raggiunto questa posizione in Europa League devono essere rispettati, come dovrebbero essere rispettate tutte le squadre della competizione. È una squadra affiatata. Dovremo avere la stessa attenzione. Sappiamo che anche loro sono molto preoccupati, passerà la squadra che farà meno errori. E spero sia la Lazio!».

Come vedi il tuo ambientamento in Europa?
«Anche se sono ancora giovane e ho molto da imparare, sono più maturo nel prendere decisioni in campo. Penso che l’aspetto in più in me. Quando sei più giovane, finisci per avere fretta nel sistemare le cose e perdere un po’ di lucidità. Questa evoluzione è naturale, l’esperienza è sul campo. So che ciò che si aspettano da me è l’aggressività, è che provo il gioco individuale o un passaggio chiave per rompere l’equilibrio, ma oggi cerco di farlo nei momenti giusti in cui il gioco richiede davvero quell’atteggiamento. Sono umano, giovane, so che farò ancora molti errori, ma il tempo ti aiuterà a minimizzarli».

Hai giocato più avanzato in questa stagione. È più facile giocare con Immobile?
«Questo ruolo mi rende più capace di aiutare il reparto offensivo perché richiede un meno sacrificio, ma non ho preferenze. Sono a disposizione per aiutare la squadra nel modo in cui mi chiede mister Inzaghi. Se ha bisogno di me, sono pronto. La cosa importante per me è essere sul campo e poter aiutare».

Qual è la priorità del club in questa stagione?
«Abbiamo una squadra molto forte e il nostro obiettivo è fare il meglio che possiamo in entrambe le competizioni. L’importanza che diamo è la stessa».

Il calcio ha da poco perso Davide Astori. Come sono arrivate queste notizie a voi giocatori? Qual è stata la sensazione nello spogliatoio ?
«Tutti qui alla Lazio erano molto dispiaciuti. È stata una giornata molto triste per tutta l’Italia. Sfortunatamente la vita ha queste cose. Continuo a immaginare i compagni di squadra che erano con lui ogni giorno. Deve essere difficile ricominciare. Auguro molta forza a loro e alle loro famiglie, e pace per Davide Astori ovunque egli sia».

Lo conoscevi personalmente o solo nelle partite contro la Fiorentina?
«Non lo conoscevo personalmente, ma i miei compagni mi hanno detto che era una grande persona, con un grande carattere. La sua famiglia deve essere fiera dell’immagine positiva che ha lasciato nel calcio. Dovrebbe ammorbidire e aiutare ad affrontare il dolore».

La scorsa stagione, il Manchester United ha mostrato interesse, c’è stato qualcosa?
«Ne ha parlato solo la stampa. Niente di concreto, né per il club né per le persone che si prendono cura della mia carriera».

E al momento c’è qualche sondaggio o proposta di qualche squadra? Cosa?
«Se ci fosse, nessuno è venuto direttamente da me a dirmi ancora qualcosa. Sono concentrato al 100% nel giocare con la Lazio e sto voglio fare del mio meglio per aiutare la mia squadra».

Articolo precedente
Dinamo Kiev, Kadar: «La Lazio è una delle migliori formazioni, resta favorita»
Prossimo articolo
Dinamo Kiev-LazioDinamo Kiev-Lazio, le probabili formazioni