Caicedo: «Poca concentrazione, ma possiamo fare un buon torneo. Qui sono felice»

Caicedo
© foto www.imagephotoagency.it

La Lazio perde in Belgio, ma il match si rivela un test importante per i tanti giovani in campo. Ai microfoni di Sky Sport, le parole di Caicedo

Il Girone K d’Europa League si chiude con una sconfitta rimediata contro lo Zulte Waregem. Un test fondamentale per una Lazio fresca ed inesperta, un punto di partenza importante per i tanti giovani in campo come Miceli e Crecco. I novanta minuti hanno dato spazio anche al ritorno di Felipe Anderson che non ha disatteso le aspettative e un gol pennellato di Lucas Leiva. Ai microfoni di Sky Sport, le parole di Caicedo: «Sono contento di aver segnato, abbiamo perso una partita non facile. Abbiamo sbagliato nella concentrazione, non siamo arrivati bene sul campo, siamo stati più bravi nel secondo. Mi dispiace perchè non abbiamo fatto risultato. Adesso abbiamo la testa al campionato, ma non dimentichiamo che abbiamo una squadra per fare un buon torneo in Europa. Dobbiamo continuare così, ma adesso pensiamo al Torino. E’ normale che più gioco, più riesco. Ho fiducia, un buon ritmo di gioco, poi vogliamo giocare tutti, ma io sono felice».

ZONA MISTAFelipe Caicedo si è poi concesso alle domande dei cronisti presenti in mixed zone: «Tutti i giocatori vogliono essere titolari, ma penso che la squadra sia molto forte. In Europa abbiamo fatto un buon torneo finora, tutti sono in buona forma e aspetto il mio momento. Devo proseguire così, sono uno dei nuovi acquisti, piano piano voglio continuare ad aiutare la squadra. Palombi è un ragazzo giovane a cui dare una mano, con Ciro è facile giocare visto che ha tanta esperienza: posso fare sia la prima che la seconda punta. Oggi hanno giocato tanti giovani come Palombi, Crecco, Murgia, sono contento per loro, ma un po’ tristi per la partita di oggi in cui non abbiamo vinto. Devo pensare partita per partita, voglio segnare sempre e aiutare la squadra. Ritorno in Nazionale? La mia testa è alla Lazio e non all’Ecuador adesso».

Articolo precedente
zulte waregemZulte, Dury: «Soddisfatto per la squadra e i tifosi. Leiva e Anderson…»
Prossimo articolo
LazioFelipe Anderson: «E’ stata dura aspettare, ma sono felice. Voglio il ritmo della squadra»