Borussia M’gladbach, Wendt è carico: “Regaliamo una vittoria ai nostri tifosi”

© foto www.imagephotoagency.it

“La presenza dei nostri tifosi ci aiuterà a conquistare la vittoria: siamo contenti che ci seguiranno in massa. Speriamo di poterli premiare.” A parlareè Oscar Wendt, centrocampista del Borussia Monchengladbach, che, in vista del ritorno dei sedicesimi di Europa League contro la Lazio, ha rilasciato un’intervista al sito ufficiale del club tedesco, Borussia.de.  “Sarà comunque un grande esperienza per i tifosi, dato che potranno visitare una bellissima città. Se fossi un tifoso mi piacerebbe molto partecipare a questa trasferta”, ha continuato. Nonostante il 3-3 strappato dagli uomini di Petkovic in terra tedesca, il giocatore svedese ha manifestato tutta il suo ottimismo per lo scontro decisivo con la formazione capitolina: Il 4-4 è un risultato irrealistico, perciò dovremmo andare lì e cercare di conquistare la vittoria: perché non potrebbe succedere? Sappiamo che non sarà facile, ma per farlo dovremmo credere in noi stessi: nel calcio tutto è possibile. Il 3-3 non aiuta, ma a Roma partiremo da 0-0: possiamo farcela.” Davanti però il Borussia troverà una Lazio aggressiva, a detta dello stesso Wendt. “Non penseranno solo a difendersi – ha spiegato – perciò potrebbero proiettarsi un po’ in avanti: noi dovremmo approfittare per prenderli in contropiede. All’andata la Lazio ha giocato una partita molto efficace, ma non sempre hanno difeso bene. Dovremo essere compatti e difendere bene, cercando di non prendere gol. In avanti proveremo a giocarci tutte le nostre carte. Su una cosa Wendt non ha dubbi: “Sarà una gran partita: sono molto contento di farne parte. Parliamo di un’importante incontro ad eliminazione diretta dell’Europa League contro una squadra forte, con alle spalle una lunga tradizione come la Lazio. Il tutto in una cornice bellissima come l’Olimpico. E l’aspetto più importante è che noi abbiamo tutte le possibilità di passare il turno”.

Condividi
Articolo precedente
I gemelli di Radu avranno nomi italianissimi
Prossimo articolo
Il Siena, l’incubo, ed il sogno che può ripartire