Pioli: «Luiz Felipe andava espulso. Lite con Milinkovic? Ecco cosa è successo…»

convocati Pioli
© foto www.imagephotoagency.it

Sconfitta amara per la Fiorentina, battuta e rimontata due volte da una Lazio immensa. Al termine del match Stefano Pioli ha commentato ai microfoni di Mediaset Premium

Vittoria eroica della Lazio che supera con una doppia rimonta la Fiorentina. Al termine Stefano Pioli ha dato la sua disamina ai microfoni di Mediaset Premium: «Partita strana, nervosa. Con troppi episodi. Alcune decisioni non mi hanno trovato d’accordo, ad esempio Luiz Felipe meritava il secondo giallo sul rigore. Poi anche noi abbiamo commesso errori e non siamo riusciti a far risultato. Mi auguro che al VAR abbiano altre immagini, altrimenti il fuorigioco di Simeone non c’era. Non siamo stati ordinati nel primo tempo e abbiamo subito. Meglio il secondo dove però abbiamo sbagliato troppo con la palla. Milinkovic? Ci siamo chiariti: era giusto andasse ad esultare dai suoi tifosi senza andare però dai nostri. L’equilibrio abbiamo faticato a trovarlo nel primo tempo: Chiesa e Dias erano troppo poco aperti. La Lazio ha avuto maggior palleggio e pericolosità, anche se abbiamo preso gol su palle inattive. Purtroppo ci sono demeriti nostri e la qualità della Lazio che quando sbagli ti punisce. Ci siamo fatti prendere dalla frenesia, dalla concitazione. Si è giocato molto ma si è stati anche molto davanti al monitor. Grande spirito e generosità, ma oggi ci è mancata la lucidità per avversari così forti. Veretout? Preferirei parlarne poco, altrimenti ce lo portano via. Vorrei godermelo per qualche anno. Lotta Champions? Ci sono tre squadre molto forti e mancano scontri diretti. Sarà tutto deciso sul filo di lana, così come quella per l’Europa League dove ci siamo anche noi. Nessuno l’avrebbe detto otto mesi fa, noi vogliamo dare il massimo da qui alla fine».

CONFERENZA STAMPA – Pioli ha poi risposto alle domande dei cronisti in conferenza stampa: «È stata la serata degli errori, un po’ nostri e un po’ no. Abbiamo sicuramente delle responsabilità nonostante il grande spirito che abbiamo messo in campo anche oggi. È una brutta sconfitta, però adesso dobbiamo dimostrare di essere squadra vera. Rigore Chiesa? Era da secondo giallo per Luiz Felipe. Scontro con Milinkovic al triplice fischio? Ho discusso con Sergej perché era giusto che festeggiasse sotto il settore con i suoi tifosi, non prendendo in giro i nostri. Con Inzaghi ci siamo salutati perché il rapporto è sempre stato buono. La Lazio ha grandissima qualità, ma l’abbiamo messa in gran difficoltà».