Primavera – Lazio corsara a Vinovo contro la Juventus, altri tre punti in cassaforte

primavera
© foto @LazioNews24

Juventus-Lazio, match valido per la 7ª giornata del campionato Primavera 1 TIM

Le giovani aquile di Bonatti arrivano a Torino dopo l’amaro pareggio del Fersini con il Bologna della scorsa settimana. Dal Canto, invece, guida i ragazzi della primavera juventina sfruttando l’onda dell’entusiasmo creata dalla splendida vittoria di Napoli, per ben 5-1. Il tecnico laziale non avrà ancora a disposizione Maloku e Lukaj. Il transfer tarda ad arrivare, e quindi il tecnico bresciano dovrà fare a meno di loro anche con la Juventus. Out anche Boateng e Abukar per infortunio. Le buone notizie arrivano da Al Hassan, che dovrebbe partire dal primo minuto, nonostante Sarac si sia finalmente sbloccato, e abbia offerto delle buonissime prestazioni contro Napoli e Bologna. Sarà 4-3-1-2, con Rus confermato fra i pali. In difesa Spizzichino, Silva, Baxevanos e Petro. A centrocampo troviamo BariMarchesi e Miceli. Rezzi, autore del primo gol in campionato nell’ultima sfida di campionato contro il Bologna, agirà dietro le due punte, che saranno Javorcic e Al HassanSarac partirà dalla panchina, molto probabilmente il suo ingresso avverrà durante la partita. Da sottolineare la presenza da titolare del grande ex di turno, Manolo Portanova. Il match tra Juventus e Lazio al Campo Ale&Ricky dello Juventus Training Center di Vinovo termina 3-1 in favore dei biancocelesti; 30′ Baxevanos (L), 41′ Olivieri (J), 43′ Bari (L), 74′ Spizzichino (L).

PRIMO TEMPO – La Lazio inizia il match di Vinovo con lo spirito giusto, effettuando un pressing alto e mostrando aggressività verso i portatori di palla. Al 10′ si mette male per Rezzi, il ragazzo rimane a terra dolorante per un problema al ginocchio e Bonatti non ha altra scelta che sostituirlo: al suo posto entra Aliaj. La prima azione pericolosa è dei bianconeri, al 14′ Nicolussi ci prova dalla distanza ma la conclusione si spegne sul fondo. Continua ad essere un monologo juventino: Kameraj al 21′ ci prova con una conclusione dal limite dell’area in seguito ad un azione personale, tiro che sorvola di poco la traversa della porta difesa da Rus. Lazio troppo schiacciata durante questi primi venti minuti. La Juventus continua i suoi attacchi forsennati all’area biancoceleste: Kameraj pennella un bellissimo cross per Olivieri che, però, non riesce ad inquadrare lo specchio della porta. I ragazzi di Bonatti sbloccano il match al 30′ con Baxevanos: il greco mette in rete un buon cross di Bari, complice anche il portiere bianconero Loria con un’uscita a vuoto. Dieci minuti più tardi si rifà viva la Juventus, una rete di passaggi tra Portanova e Olivieri libera Krameraj, la cui conclusione viene murata in corner da Baxevanos. Al 41′ arriva il pareggio della Juventus, con una spettacolare semirovesciata di Olivieri. Momento concitato del match: due minuti dopo ecco il sorpasso immediato dei capitolini con un bel destro dal limite di Bari. Al 45’+1′ si conclude la prima frazione: Juventus-Lazio 1-2.

SECONDO TEMPO – La seconda frazione inizia con un giallo per Jorge Silva per un fallo di mano. Al 49′ Nicolussi con una punizione splendida centra l’incrocio dei pali, ma Rus sembrava essere presente sulla traiettoria. Tre minuti dopo arriva la seconda ammonizione in casa Lazio, Marchesi prende il giallo per un fallo tattico avendo bloccato la ripartenza di Di Pardo. Molti dubbi su come sta gestendo la distribuzione dei cartellini Sozza della sezione di Seregno, dopo una ripartenza di Bari fermata dagli juventini l’arbitro grazia i bianconeri. Al 67′ sugli sviluppi di un corner, Delli Carri stacca di testa e anticipa tutti, ma non centra lo specchio della porta per poco. Al 72′ Jorge Silva atterra l’ex Portanova, è nettamente rigore per la Juventus. Si prepara alla battuta Caligara, che però sbaglia clamorosamente il calcio di rigore che poteva pareggiare i conti. Due minuti dopo come un segno del destino arriva il terzo gol dei capitolini, Spizzichino, la cui intenzione molto probabilmente era un traversone, insacca la palla sotto l’incrocio, impreparato Loria non può nulla. Al 77′ arriva il secondo cambio per i biancocelesti: esce Al Hassan ed entra Del Signore. Il neo entrato si rende subito protagonista di un’ottima azione, con un cambio di gioco trova Javorcic che poi davanti a Loria non ha la freddezza di piazzare in rete. Al minuto 86′ terza sostituzione per la Lazio, esce Marchesi ed entra Kalaj. Il match termina al 90’+3′: Juventus-Lazio 1-3.

LE INTERVISTE NEL POST GARA DI JUVENTUS-LAZIO

Al termine della gara vinta dai biancocelesti, il tecnico Andrea Bonatti è intervenuto ai microfoni di Sportitalia per commentare il 3-1 ottenuto dai suoi: «È stata una brutta partita da ambo le parti. Mi prendo i tre punti perché sono punti che ci vengono restituiti per le buone prestazioni precedenti. La gara di oggi però non mi è piaciuta affatto. Ci voleva più precisione. Abbiamo sbagliato tanto in fase di palleggio. Nel secondo tempo siamo andati un po’ meglio, ma concedere attenuanti non è una cosa che mi piace. Tra le linee siamo stati pericolosi, ma avremmo duvto farlo con più continuità. Milan? Questo è un campionato talmente equilibrato, che il compito di un allenatore deve essere per l’appunto quello di mantenere l’equilibrio. Quando le cose vanno bene cercare invece di mantenere i piedi ben saldi a terra. Cosa ha fatto pendere l’ago della bilancia dalla nostra parte? La fortuna. Loro hanno sbagliato il rigore e noi l’abbiamo chiusa».

A margine del successo contro la Juventus, Giorgio Spizzichino, autore del gol del terzo gol che ha chiuso la gara, ha commentato così la prestazione dei biancocelesti: «La mia rete? Volevo metterla in mezzo in quel contesto ma, forse anche per colpa del vento, alla fine la palla è entrata. Quindi sono contento per il gol e per la prestazione della squadra. Col Bologna meritavamo di più, e oggi ci siamo ripresi questi tre punti. Milan? Vincerà chi avrà più voglia. Oggi con la Juventus avevamo più voglia di loro di guadagnare punti e di ottenere il risultato».