Parolo: «Ci godiamo Immobile! La classifica è bella ma…»

parolo
© foto www.imagephotoagency.it

Parolo e il sogno Scudetto: «Pensiamo partita dopo partita, bisogna lavorare ancora tanto…»

Quarta vittoria consecutiva in campionato, sesta se si considerano anche le gare di Europa League: questa Lazio merita tanti applausi. A Premium Sport, dopo la schiacciante vittoria contro il Cagliari, è intervenuto il centrocampista Marco Parolo«Immobile? E’ un grande, si merita ogni complimento e noi ce lo godiamo. Abbiamo fatto una gara sporca, abbiamo gestito le forze facendo giocare anche i nostri avversari. Siamo una squadra matura, siamo partiti forti e abbiamo conquistato la vittoria. La classifica è bella, bisogna lavorare tanto per vederla così anche a maggio». Sul parallelo Lucas Leiva-Biglia: «Sono due grandi giocatori, Leiva ha portato più fisicità di Biglia. Ha tantissima esperienza ed è un valore aggiunto, un grandissimo uomo e un grande professionista: da lui si impara tanto. Immobile? Fa sempre gol quando calcio, anche in allenamento fa minimo quattro gol su cinque tiri. Può giocare anche con un altro che gli ruota attorno, in Nazionale lui e Belotti si trovano bene. Siamo una squadra fisica e sappiamo che le palle inattive sono una risorsa per segnare. Scudetto? Pensiamo partita dopo partita, possiamo fare bene e crescere ancora. Se a marzo siamo ancora qui sarà io il primo a dire la parola Scudetto». 

Il centrocampista biancoceleste è intervenuto anche in zona mista: «Siamo partiti forte, era quello che volevamo fare perché nelle ultime partite abbiamo cominciato sempre in svantaggio. Era importante cercare subito il gol, l’abbiamo trovato. Abbiamo fatto un primo quarto d’ora di buona intensità, poi siamo calati un po’ di tensione ma quando si gioca ogni tre giorni può capitare. Siamo stati maturi, abbiamo saputo gestire e trovare il secondo e il terzo gol potendo anche respirare. Questa maturità deve continuare perché adesso ci aspettano tre partite fondamentali, questa squadra deve capire che può affrontarle con una certa voglia di vincere. Se le vinciamo tutte e tre si può dire che questa squadra è veramente matura, sarà un bel banco di prova. Se mi aspettavo questa striscia positiva? I primi dieci giorni di ritiro ero infortunato e guardavo la squadra allenarsi. Non ho mai visto un compagno tirare indietro la gamba. Questo vuol dire che c’era voglia di fare e di continuare un percorso iniziato lo scorso anno e che ci aveva portato grandissimi risultati. Il miglioramento era rimanere nella parte alta della classifica e giocare a viso aperto con tutti, con maturità e consapevolezza, questo si sta verificando. Dobbiamo continuare su questa strada senza pensare di essere forti perché quando cala l’attenzione ancora non siamo capaci di gestire i risultati. C’è un buon clima, voglia di allenarsi bene, nessuno tira indietro la gamba. Chi ha giocato meno ha dimostrato in Europa League di poter essere importante per noi, questo alza il livello della competitività in allenamento e fa sì che si sappia di poter contare su tutti. Se giocare così tanto può portare stanchezza? No, anzi, partite così aiutano anche a gestirsi, a sapersi prendere pause durante il gioco. Questo permette di essere più lucidi in un filotto di partite come quello che stiamo vivendo. Ora ci aspetta una partita difficilissima a Bologna, in un campo in cui è difficile far punti, sarà un bel banco di prova. C’è tanta voglia di affrontare queste partite, questa squadra vuole continuare a divertirsi come sta facendo», ha concluso Parolo.