Oikonomidis, parte seconda: “Contento di essere di nuovo qui. Voglio continuare a migliorarmi, poi vedremo cosa accadrà…”

© foto www.imagephotoagency.it

Mentre la Lazio si allena e sbuffa sotto gli occhi attenti e vigili del tecnico Pioli, l’atmosfera ad Auronzo di Cadore continua ad essere ostile e non soltanto per la pioggia abbattutasi sulla cittadina bellunese ma soprattutto per la protesta dei tifosi che anche oggi non hanno mancato di manifestare il proprio dissenso nei confronti della società attraverso un nuovo striscione. Molto probabile dunque che nessuno sia accorto del ritorno a casa dal prestito alla Salernitana, del giovane esterno Oikonomidis. Intervistato ai microfoni di Lazio Style Channel al termine della sessione odierna di allenamento, il calciatore ha affrontato diversi temi: dal ritorno alla Lazio, al suo rapporto con Inzaghi sino ad arrivare a quelli che sono i suoi sogni nel cassetto: «Sono orgoglioso di ritornare a rivestire questa maglia. Esordire in Europa League un anno fa, mi ha dato emozioni uniche ma poi ho deciso di andare a Salerno perché volevo continuare a giocare. L’esperienza di quest’anno mi è stata molto utile perché mi ha aiutato a crescere molto e sono contento di sapere che la società ripone grande fiducia in me». L’australiano è molto contento anche del suo nuovo staff: «Tutto lo staff è davvero fantastico. Con Inzaghi poi, ho un rapporto bellissimo. E’ stato proprio lui a valorizzarmi quando giocavo con la Primavera, permettendomi di esordire in prima squadra. Anche Farris, Ripert e Cerasaro sono delle persone simpatiche e molto preparate. Sono sempre stato convinto che ridere sia fondamentale in un gruppo e loro sanno quando è il momento di farlo e quando è invece l’ora di lavorare. Il mio obiettivo è quello di seguire alla lettera il prezioso consiglio di Inzaghi che mi sprona sempre a dare il massimo quando entro in campo, anche se si tratta solo di amichevoli. Da parte mia, c’è un grande desiderio di crescere, poi si vedrà». Il suo sogno nel cassetto? Ovviamente quello di stabilizzarsi in prima squadra  « Il mio principale obiettivo è quello di continuare a migliorare per conquistare un posto in pianta stabile in prima squadra e solo dando il massimo, potrò riuscirci. Il mio compagno di stanza? Borelli, (ridendo ndr.):».