Nazionali – Parolo, Hoedt e Bastos spremuti fino all’osso, metà gara per Immobile

© foto www.imagephotoagency.it

Nazionali – La Finlandia di Mohamed non si qualifica. Presenza e gol per Lulic e Milinkovic-Savic, Strakosha regala un calcio di rigore. Parolo, Hoedt e Bastos in campo ’90, poco più di un tempo per Immobile

Tanti laziali in campo all’Amsterdam Arena nell’amichevole internazionale fra Olanda e Italia, terminata 1-2. Tra le fila orange discreta prestazione per Wesley Hoedt, che nonostante l’errore di disimpegno nel gol del pareggio di Eder, ha mostrato personalità in fase di costruzione della manovra. Marco Parolo invece fa arrabbiare il ct Gian Piero Ventura, che lo reputa principale colpevole in occasione dell’autorete di Alessio Romagnoli per aver perso la marcatura. Il motorino biancoceleste si è poi riscattato parzialmente entrando da protagonista nella rete dell’1-2 di Leonardo Bonucci, lesto a deporre in rete il colpo di testa dell’ex Parma respinto dal portiere olandese. E’ stato chiamato in causa parzilamente Ciro Immobile, poco cercato dai compagni nel primo tempo, sostituito al 53′ per far posto all’amico Andrea Belotti. Da segnalare infine l’uscita anticipita di Daniele De Rossi per una ginocchiata alla schiena a metà della prima frazione, il romanista ha lasciato dolorante il rettangolo verde, a rischio derby?

BASTOS – A distanza di 364 giorni Bastos torna a vestire la maglia dell’Angola. Era infatti il 29 marzo 2016, nella sfida contro la Repubblica Democratica del Congo, che il difensore di Luanda non scendeva in campo per la propria nazione. Questa sera alle ore 20 la squadra del c. t. André Macanga ha pareggiato 0-0 nell’amichevole col Sud Africa, in campo da titolare e fino al ’90 il difensore che giovedì è atteso a Formello.

MILINKOVIC – Il sergente della Lazio ci mette lo zampino anche in Nazionale. Sempre più leader, nella sfida tra Slovacchia e Serbia U21, il centrocampista biancoceleste è autore di un gol da manuale. La prodezza non basta, però, alla sua squadra andata sotto di due reti tra il 58′ e il 61′ con Benes prima e Zrelak poi.

LULIC E STRAKOSHA – Dopo i gol di De Rossi ed Immobile, anche la Bosnia vince grazie alle reti di due capitolini. Una particolare coincidenza, a pochi giorni dal derby. A sbloccare il match contro l’Albania è Ediz Dzeko che, con un tiro dal dischetto, costringe l’arbitro a mettere la prima nota sul taccuino di gara. Il rigore lo concede Strakosha – arruolato anche stavolta da De Biasi – che sbaglia i tempi e commette un clamoroso errore in uscita. Al 42′, il raddoppio è di Senad Lulic che sfrutta un cross proveniente dalla fascia destra e buca la rete. Il portierino biancoceleste, però, non può nulla. Al 68′, è Balaj ad accorciare le distanze, ma al noventesimo la vittoria è dei bosniaci per 2-1.

MOHAMED – Vittoria amara per la nazionale in cui milita il giovane arrivato alla Lazio nel mercato di gennaio, Abukar Mohamed, che nella partita odierna valevole per l’europeo under 19 ha vinto, ma il risultato non è bastato, qualificandosi solo come terza nel proprio girone. Il giovane centrocampista ha disputato tutti i 90 minuti della gara, adesso tornerà a disposizione della corte biancoceleste.