Milan, Scaroni non si dà pace: «Abbiamo un video con 32 cori razzisti dei laziali»

scaroni
© foto @Calcionews 24

Mario Scaroni non si dà pace. Dopo Milan-Lazio le polemiche non si fermano: in un video della gara, si contano 32 cori contro Bakayoko

Milan-Lazio ancora polemiche. Sul campo, la gara si è conclusa con la rete di Correa ed il triplice fischio di Mazzoleni; fuori, il polverone sollevato con le accuse di razzismo mosse verso i tifosi biancocelesti non accenna ad abbassarsi. Al centro della vicenda, le parole indirizzate a Bakayoko dalla tifoseria laziale, durante la gara che – secondo i vertici rossoneri – doveva esser sospesa. A sostegno dell’idea, un video inviato ai presidenti di Coni, Figc e Lega Calcio in cui si sentono 32 cori contro il giocatore, come ha riferito Mario Scaroni – presidente del club rossonero – a Radio anch’io Sport: «Probabilmente non sono stati così vistosi da essere sentiti da tanti, perché i laziali erano pochi e i tifosi milanisti sono sempre rumorosi. Però l’episodio se si voleva, lo si poteva andare a vedere. Era cosa ovvia che il direttore di gara e i suoi collaboratori stessero molto attenti, non dico per interrompere la partita, ma almeno sospenderla, dando un segno. È una cosa che poteva essere fatta».

«La nostra tifoseria è assente dai fenomeni di razzismo, non li ha mai avuti. Si faccia come in Inghilterra, dove gli episodi di razzismo vengono cercati, noi abbiamo un atteggiamento un po’ passivo».