Connettiti con noi

News

Mauri: «Il 26 maggio è il ricordo più bello. Con la Champions normale perdere punti in campionato»

Pubblicato

su

Stefano Mauri si è raccontato a Lazio Style Official Magazine parlando del suo passato e della stagione della Lazio

Stefano Mauri si è raccontato a Lazio Style Official Magazine parlando del suo passato e della stagione della Lazio. Le sue parole.

LAZIO – «La Lazio finora sta conducendo un campionato positivo, è approdata anche agli ottavi di Champions. In Serie A sta pagando un po’ di più ma non è comunque lontana dal quarto posto. Credo sia stato messo in preventivo perdere qualche punto in campionato, visto che la Lazio non giocava in Champions League da tanti anni. La tifoseria, la squadra e la Società sono concentrate sulla massima competizione europea, questa porta via qualche energia fisica e mentale».

CAMPIONATO E CHAMPIONS – «Le energie fisiche e mentali stanno determinando questo andamento. Quando giochi una competizione come la Champions League è chiaro che debbano scendere in campo i titolari con la massima concentrazione. In campionato, di conseguenza, è inevitabile che si perda qualcosa in termini di punti. Inoltre finora è mancato Lulic, Fares ha riportate diversi infortuni ed anche Muriqi ha riscontrato problemi fisici oltre ad essere stato colpito dal Covid-19. Ci sono stati tanti infortuni. Capita di perdere punti in campionato quando si gioca in Champions League, viene riscontrato anche dai migliori club d’Europa. Negli ultimi anni, inoltre, la Lazio, non aveva mai giocato in Champions, quindi credo sia normale perdere qualche punto in campionato».

RICORDI PIU BELLI «Al primo posto metto sicuramente la vittoria della Coppa Italia contro la Roma il 26 maggio 2013. Sul secondo gradino del podio cito il successo in Supercoppa italiana contro l’Inter a Pechino. Il terzo ricordo è il mio primo gol nel derby di Roma. Per me, inoltre, resta indimenticabile la vicinanza dei tifosi nel periodo più brutto della mia vita. Infine, ricordo con piacere il gol più bello della mia carriera, realizzato in rovesciata all’Olimpico contro il Napoli».