Lotito: «Milinkovic diventerà un fenomeno. Inzaghi in estate si è lamentato perché…»

tavecchio
© foto www.imagephotoagency.it

Le dichiarazioni di Claudio Lotito al Corriere della Sera

Dalla gestione della Lazio alla campagna acquisti, passando per Simone Inzaghi. Claudio Lotito si racconta, e lo fa attraverso un’intervista rilasciata sulle pagine del Corriere della Sera.

GESTIONE – «Da quando sono presidente della Lazio non percepisco emolumenti e il mio rimborso spese è di 0 euro. Esistono i manager e i mangianers che pensano solo al proprio lucro personale. Lotito dà fastidio perché è autonomo e indipendente. Noi come Fantomas dobbiamo fare: stare nascosti e apparire al momento opportuno».

INZAGHI – «Simone ha qualità e quando ho puntato su di lui sapevo che sarebbe stato in grado di ottenere risultati. Tempo fa venne da me e si lamentò perché la Gazzetta non ci aveva messo fra le prime dieci. Sa cosa gli risposi? Devi essere contento perché ci sottovalutano. Non si vincono gli scudetti stando sui giornali».

ACQUISTI TOP – «Luis Alberto non lo conosceva nessuno ed è stato una sorpresa. Immobile l’ho riscattato quando in pochi credevano in lui. Senza parlare di Milinkovic-Savic che ha solo 22 anni e diventerà un fenomeno».

LA QUESTIONE KEITA – «Io scelgo il tecnico ma poi lascio assoluta libertà d’azione. Tutti pensano che ci sia il mio zampino dietro l’esclusione dai convocati di Keita nella finale di Supercoppa contro la Juventus. Invece Simone mi chiamò quando ero in vacanza in montagna e mi disse di volerlo lasciar fuori dalla lista perché nei suoi occhi non vedeva furia agonistica. “Decidi tu”, gli dissi. Qui c’è una catena di comando cortissima: il sottoscritto, Tare e l’allenatore».

Articolo precedente
caicedoVitesse-Lazio, maxi turnover: Inzaghi davanti lancia Caicedo
Prossimo articolo
FORMELLO – Europa League, rifinitura della vigilia: Inzaghi verso il turnover totale – VIDEO