L’ex Berrettoni: «La Lazio ha due squadre titolari. Inzaghi? E’ l’arma in più!»

inzaghi lazio esultanza
© foto www.imagephotoagency.it

L’ex attaccante della Lazio Emanuele Berrettoni ha espresso la sua opinione sulla stagione fin qui disputata dall’armata di Inzaghi

Sono passati 18 anni da quando Emanuele Berrettoni entrò a far parte della Lazio dei ‘grandi’ dopo una lunga trafila nel settore giovanile biancoceleste. Con l’Aquila sul petto fece il suo esordio in Serie A ed in Champions League e, a distanza di tanto tempo, non ha mai dimenticato la maglia che ha avuto l’onore di indossare. Attualmente tra le fila del Pordenone, l’attaccante è stato intervistato da europacalcio.it, ed ha dichiarato: «Finora la stagione della Lazio è stata molto positiva. In campionato può certamente arrivare tra le prime quattro. Nella rosa ci sono giocatori validi e si è creata la giusta alchimia con l’allenatore, l’arma in più di questa Lazio. Un plauso va fatto anche alla società che è molto attiva e sceglie sempre giocatori funzionali. E’ come se la Lazio avesse due squadre titolari, chiunque entra a gara in corso dà sempre il suo contributo come se partisse dal primo minuto».

STAGIONE«Un periodo di flessione non cancella quello che è stato fatto. Ci può stare un periodo così quando dai la priorità a manifestazioni importanti come l’Europa Leauge. Non dimentichiamoci poi che chi vince questa competizione va in Champions. Inzaghi? Mai avrei pensato che avrebbe intrapreso la carriera d’allenatore. Sta dimostrando di meritare quello che finora ha ottenuto».

GIOCATORI«Anderson e Luis Alberto fanno la differenza. Ma ci sono anche Leiva e Parolo. Di quest’ultimo si parla poco ma è un giocatore fantastico. Nel gioco della squadra vengono messe in maggiore risalto le qualità di Immobile e Milinkovic. Anche dietro c’è una bella ossatura. Contro il Salisburgo? La squadra ha tutte le carte in regola per passare il turno. Se gioca da Lazio non ci sono problemi. Attenzione agli austriaci che agli ottavi hanno eliminato il Dortmund, ma c’è da essere fiduciosi».

Articolo precedente
Inter, Vecino suona la carica: «Obiettivo Champions, vogliamo allungare sulla Lazio!»
Prossimo articolo
NordCanigiani: «Circa 30mila biglietti venduti per Lazio-Salisburgo». Poi sul derby…