Lazio, Parolo: «Dura giocare senza tifosi. Ripresa? Si, ma con attenzione»

lazio parolo
© foto www.imagephotoagency.it

Intervenuto durante la manifestazione di beneficenza ‘Tutti contro Covid’, il giocatore della Lazio Marco Parolo ha parlato della ripresa

Ospite speciale della manifestazione ‘Tutti contro Covid‘, il centrocampista della Lazio Marco Parolo ha detto la sua sulla ripresa della stagione e sul momento attuale:

«Vivo con tanta ansia, fortunatamente la zona in cui sono i miei genitori e i miei amici è stata colpita marginalmente rispetto a Milano sud, la zona di Bergamo. È una situazione difficile, si son persi tanti cari. Ho preso tanto dai miei nonni, dai loro insegnamenti, anche nel mondo del calcio. Sono tutte persone che devono esserci, devono aiutare a crescere e a far diventare ognuno il massimo di ciò che può essere. Mi ha permesso di rallentare un attimo con la testa, di staccare per un momento dalla tensione delle partite, di godermi più mio figlio e fare quelle piccole cose che facevo magari quando ero bambino. Ad esempio, a me tagliare il prato mi dà serenità, e l’avevo perso. Cercherò di essere un uomo migliore quando si ripartirà, dovremo far tesoro di quanto abbiamo imparato».

«Ripresa? Ci stiamo preparando, adesso si sta cominciando a riaccendere anche un po’ la testa. Attendiamo che tutto venga fatto con il rispetto delle norme e della popolazione italiana. Vogliamo essere una gioia per gli italiani. C’è tanta voglia di inseguire questo sogno, sarebbe bello ripopolare Roma di biancoceleste. A quel punto costringeremo i romanisti a fare la quarantena in un altro modo. Stadi senza tifosi? È complicato, lo stadio pieno vuol dire adrenalina, emozione. Non averla sarà difficile, ho notato la differenza quando ho giocato a porte chiuse».

Iscriviti gratis alla nostra Newsletter

Privacy Policy