Lazio, Biava: «Rivedo ancora qualche gara, che emozione il primo derby vinto!»

biava
© foto www.imagephotoagency.it

Lazio, l’ex difensore Giuseppe Biava ha raccontato il suo periodo trascorso coi colori biancocelesti cuciti addosso

Biava-Dias è una delle coppie difensive più sicure della storia della Lazio. L’ex giocatore bergamasco ha analizzato la squadra di Inzaghi e il triste momento che la sua terra sta attraversando: «Questo è un periodo difficile, qua a Bergamo si sente di gente che muore e che è positiva. C’è paura, si legge negli occhi della gente. Vedere i militari portar via le bare è stato terribile, da bergamasco fa male. Ora bisogna stare a casa, speriamo passi il più in fretta possibile. Sono abituato a vivere sempre sul campo, quindi non è facile questa situazione. Il calcio manca, siamo appassionati e non vedere partite fa strano».

RICORDI – «A volte riguardo qualche vecchia gara – ha raccontato a Lazio Style Radio – mi sono rivisto un po’ di derby della mia era. Ricordo il primo derby che ho vinto con la Lazio, è stata una grande emozione. Quello di Klose al 90′ su assist di Matuzalem fa venire la pelle d’oca. Sono passati molti anni, sembra ieri. Il derby è particolare, soprattutto prima della partita c’è grande tensione. Se lo vinci ti dà una spinta in più per il resto del campionato. Se mi rivedo in Acerbi dal punto di vista fisico? Lui è un giocatore che difficilmente si fa male, anche perchè fa una vita adatta a questo sport e si conosce bene. Ci sono giocatori più fragili a livello muscolare».

LAZIO – «La Lazio quest’anno ha avuto la forza di riprendere partite difficili. Sa quello che vuole, è consapevole dei propri mezzi. Rimane sempre in partita, Inzaghi è bravo a cambiare in corsa e quelli che entrano danno il massimo. Il mister è stato capace in diverse gare di ribaltare i risultati con le sue scelte. Negli anni la società ha lavorato bene, costruendo mattone dopo mattone. Ora raccoglie i frutti. Difficile dire dove possa migliorare questa squadra, tutti i reparti stanno facendo benissimo. Magari con l’impegno della Champions qualcosa si dovrà rinforzare nel parco delle riserve».

Iscriviti gratis alla nostra Newsletter

Privacy Policy