Inzaghi: «Contro il Torino sarà come una finale. Non cambierei Immobile con Belotti»

inzaghi conferenza stampa
© foto www.imagephotoagency.it

L’allenatore biancoceleste Simone Inzaghi prende parola in conferenza strampa alla vigilia della sfida di campionato tra Lazio e Torino in programma all’Olimpico’

Alle ore 14, Simone Inzaghi prenderà parola in conferenza stampa alla vigilia della partita tra Lazio e Torino, valida per il 28° turno di Serie A. Segui le sue dichiarazioni tramite la diretta testuale di Lazio News 24.

Mihajlovic ha detto che siete la squadra più in forma…

«Sì, bel momento, risultati importanti, però dovremo confermarli. Affrontiamo una grande squadra, allenata molto bene. Sinisa lo conosco bene, è un amico e bravo allenatore. In più, per me il Toro è una buonissima squadra, ha perso qualche punto nel girone di ritorno, ma ha un organico ben costruito, hanno il capocannoniere a cui dovremo fare attenzione. Ci vuole grande determinazione, hio visto i ragazzi concentrati. Vorrò il 100% da tutti. Domani è una partita importantissima, vogliamo confermarci, è come una finale».

Obiettivo Champions?

«L’ho detto anche la settimana scorsa, dovremo affrontare partita dopo partita. La classifica è corta, ci sono squadre che non mollano un centimetro. Domani ci vorrà grande concentrazione, ho fiducia nei ragazzi. Momento delicato? Sì, è il  momento decisivo, domani è importante per il nostro presente e futuro, Vogliamo rimanere in alto».

La maturità l’ha sorpreso?

«No, sapevo chi avevo a disposizione e la loro disponibilità. Stiamo ottenendo ottimi risultati, mancano i due mesi più importanti».

Keita?

«Si è allenato bene martedì, poi aveva un permesso della società. Successivamente ha avuto un taglio al piede che non gli ha permesso di allenarsi. Sarà convocato, vedremo se giocherà dall’inizio».

Domani ci sarà anche il confronto in attacco tra Immobile e Belotti…

«Penso che siano i due attaccanti italiani più forti del momento, infatti sono titolari in Nazionale. Stimo molto Belotti, ma non lo cambierei con Immobile; ha sempre il sorriso sulle labbbra, ho scoperto una grande persona con grandi valori».

Marchetti come sta?

«Ha avuto problemi al ginocchio contro il Milan, poi ha provato a rendersi disponibile, ma anchel’influenza lo ha fermato. Non penso che domani sarà convocato. Abbiamo Strakosha che dà grandi garanzie ed è in continua crescita. Certo è che il titolare tornerà Federico».

Cambierà modulo?

«Si può cambiare, con un giocatore come Lulic possiamo provare la difesa a tre o a quattro. Penso però che non sia un problema di modulo, è sempre l’interpretazione della gara a fare la differenza. Siamo una squadra umile, dove uno lavora per l’altro, domani abbiamo una partita complicatissima».