Diabolik: «La società deve intervenire sul mercato. Patric non lo vogliamo più vedere in campo. E su Strakosha…»

Lazio-Empoli
© foto Lazio News 24

Ai microfoni di Radio Sei è intervenuto Fabrizio ‘Diabolik’ Piscitelli durante la trasmissione ‘La voce della Nord’

«Qui di Ferrari non vedo più nemmeno la scocca. Mi auguro che a gennaio venga comprato qualche pezzo di ricambio perché ormai è evidente che non gira più come prima. Ci sono solo 3-4 giocatori che si ammazzerebbero per la maglia, altri che non ci arrivano tecnicamente e altri ancora che passeggiano proprio. Meno male che siamo sempre lì in classifica, ma a quest’ora potevamo essere secondi o terzi – riporta Lalaziosiamonoi – Certi giocatori sono stati sin troppo coccolati e non sanno nemmeno quanti sacrifici vengono fatti dai tifosi per seguirli. Mi dispiace perché in società c’è Angelo Peruzzi, che ha una storia e dovrebbe fargli capire come ci si comportava ai suoi tempi». E su Patric: «Ci sono stati grandi giocatori che dopo un derby perso sono venuti a chiedere scusa sotto la Nord. Patric ha mandato a quel paese la curva? Non lo vogliamo più vedere in campo, e non stiamo parlando certo di Ronaldo». 

STRAKOSHA – «Per impegno e determinazione, Acerbi andrebbe preso da esempio, nonostante sia arrivato da poco tempo. Mi ha fatto impressione vederlo chiedere spiegazioni a Strakosha dopo il gol subito al 99’. Questo portiere ha fatto più volte certi tipi di errore. È normale che un giocatore d’esperienza ti chieda perché, a 40 secondi dal termine, rinvii e non perdi tempo. E lui si permette di dirgli di stare zitto. Strakosha è lo stesso portiere che l’anno scorso ci ha fatto perdere la qualificazione per un rinvio con l’Inter», ha concluso Diabolik.