Connettiti con noi

News

Conte: «Il 4 maggio non sarà un ‘liberi tutti’ ma allenteremo le restrizioni»

Jessica Reatini

Pubblicato

su

Conte, il Premier ha spiegato in cosa consisterà la fase 2 che darà il suo via il 4 maggio con la riapertura di alcune imprese

Il premier Giuseppe Conte ha rilasciato una lunga intervista sulle colonne de La Repubblica in merito alla fase 2. Ecco le sue parole.

«Stiamo lavorando, proprio in queste ore per consentire la ripartenza di buona parte delle imprese, dalla manifattura alle costruzioni per il 4 maggio. Non possiamo protrarre oltre questo lockdown: rischiamo una compromissione troppo pesante del tessuto socio-economico del Paese. Annunceremo questo nuovo piano al più tardi all’inizio della prossima settimana. La condizione per ripartire sarà il rigoroso rispetto dei protocolli di sicurezza, per i luoghi di lavoro, per le costruzioni e per le aziende di trasporto».

SCUOLA – «La scuola è al centro dei nostri pensieri e riaprirà a settembre. Ma tutti gli scenari elaborati dal comitato tecnico-scientifico prefigurano rischi molto elevati di contagio, in caso di riapertura delle scuole. È in gioco la salute dei nostri figli, senza trascurare che l’età media del personale docente è tra le più alte d’Europa. La didattica a distanza, mediamente, sta funzionando bene».

AUTOCERTIFICAZIONE – «Non siamo ancora nella condizione di ripristinare una piena libertà di movimento, ma stiamo studiando un allentamento delle attuali, più rigide restrizioni. Ho già anticipato che non sarà un ‘libera tutti’. Faremo in modo di consentire maggiori spostamenti, conservando, però, tutte le garanzie di prevenzione e di contenimento del contagio».

Iscriviti gratis alla nostra Newsletter

Privacy Policy
Advertisement