Caso Palamara, esce fuori il nome di Claudio Lotito: i motivi

lotito
© foto www.imagephotoagency.it

Caso Palamara, da Claudio Lotito biglietti gratis per i magistrati

L’inchiesta del Gico della Guardia di Finanza, che vede coinvolto il pm di Roma Luca Palamara e con lui un gruppo composto da: Luigi Spina, Corrado Cartoni, Antonio Lepre, Gianluigi Morlini e Paolo Criscuoli, ha scosso il mondo della magistratura italiana. Palamara avrebbe favorito suoi amici magistrati con nomine e avanzamenti di carriera. Non solo. Come riportato da Il Messaggero e Repubblica, nell’inchiesta, sarebbe uscito fuori anche il nome del presidente della Lazio Claudio Lotito.

IL RUOLO – Negli incontri segreti partecipava anche il patron biancoceleste, amico di Palamara. Lo scopo di Lotito era quello di rimediare biglietti per le partite, in tribuna d’onore, a chi di dovere. Come ad esempio a Luigi Spina, in occasione dell’ultima finale di Coppa Italia tra Lazio e Atalanta all’Olimpico il 15 maggio. Ieri Spina, interrogato dai pm, si è avvalso della facoltà di non rispondere. Così come Lotito non ha rilasciato dichiarazioni al riguardo.