Trevisani si difende: «Semplicemente mi emoziona il calcio, la gente critica per forza»

trevisani
© foto www.imagephotoagency.it

Il giornalista Sky, Riccardo Trevisani, ha risposto alle polemiche sollevate dopo la cronoca di Inter-Tottenham giudicata poco professionale

La cronaca di Inter-Tottenham ha suscitato numerose polemiche. A dar voce alle azioni delle due squadre – faccia a faccia per la prima partita del girone di Champions League – i due esperti Trevisani e Adani. Entrambi criticati per l’eccessivo entusiasmo mandato in onda, dopo la rete di Vecino che ha riportato in vantaggio la formazione nerazzurra. Ad InterTv è proprio Trevisani a replicare: «La gente ha bisogno di criticare per forza. Se una squadra che ci ha messo sei anni per tornare in Champions e in sei minuti ribalta una partita decisiva con i gol di coloro che hanno segnato con la Lazio la cosa diventa epocale e fa perdere la testa. Io ho vissuto questa sensazione insieme a un San Siro che tremava, una cosa che da casa non arriva».

«Se qualcuno non vuole capire pazienza: oggi sono interista, domani juventino, poi del Milan, del Napoli. Mi è successa in un Fiorentina-Juventus questa cosa, la vecchiaia incombe e ciclicamente ci ritroviamo ad essere tifosi di questa o di quell’altra squadra. Semplicemente, anche a quarant’anni il calcio mi fa emozionare come se ne avessi quattro. Ritengo che il campionato sia molto complicato da portare a casa perché c’è una squadra davanti a tutte, quindi meglio vivere certe notti di Champions che ti fanno anche crescere come ambiente. L’Inter è stata più squadra di una squadra che negli ultimi anni non è mai andata sotto il terzo posto in Premier League. Il Tottenham è una grandissima incompiuta, per me l’Inter ora può diventare una squadra compiuta. Il Tottenham ha avuto paura, forse di San Siro o dell’Inter, e noi in telecronaca abbiamo evidenziato come possa prendere due gol».

Articolo precedente
giudiceLazio-Genoa, arbitra Abisso: solo due i precedenti
Prossimo articolo
convocatiLazio-Apollon Limassol, i convocati di Inzaghi: fuori due big