Sulfaro: «Strakosha deve migliorare sulle uscite e parecchio, ma non lo venderei»

maxi offerta calciomercato lazio strakosha
© foto www.imagephotoagency.it

Michele Sulfaro – ex portiere biancoceleste – è intervenuto sulle frequenze di Lazio Style Radio pe rfare il punto sulla questione portieri

Il Bayer Leverkusen ci prova per Strakosha. Sul piatto 30 milioni. Un’offerta che – sicuramente – non lascia indifferenti. L’ex portiere biancoceleste – Michelangelo Sulfaro – però, non ha dubbi ed è intervenuto a Lazio Style Channel per dire la sua: «30 milioni sarebbero accettabili, ma poi dovresti cercare un nuovo portiere. Chi vai a prendere oggi? Perin si è accasato alla Juventus, Sportiello non ha fatto molto bene a Firenze. C’è poca roba… penso sia incedibile. Alla Lazio ha fatto bene l’anno scorso, ha sbagliato qualcosa verso la fine della stagione, ma il portiere bravo non è quello che non sbaglia mai ma che sbaglia meno. Sulle uscite deve migliorare, e pure parecchio. Ma sulle altre cose è tra i migliori, in assoluto. Contro l’Atalanta l’ha salvata lui e Bastos. I piedi dei portieri sono particolari, lui non è male. Anche con i piedi è bravo».

GUERRIERI – «Proto da affiancare a Strakosha? Sì, ma basta non rovinare Guerrieri. Io in lui ci credo. In Primavera ha fatto grossi campionati, ha vinto uno scudetto. Poi però è capitato nel Trapani, nel primo periodo una squadra inguardabile e lui è cascato nel marasma. Proto lo vedrei per fare il terzo, a subentare dopo Strakosha e Guerrieri. Se c’è l’idea di tenere Proto come prima alternativa a Strakosha, allora Guerrieri deve andare a giocare altrove. Se dovesse partire Strakosha, ma ne dubito fortemente, andrei a prendere Meret della Spal. E’ un buon giocatore. Interessante anche il fratello di Milinkovic, ma mi dicono che sia matto come un cavallo. Lui ha fatto vedere delle buone cose».

 

Articolo precedente
calciomercato milinkovicMoggi sicuro: «Milinkovic andrà alla Juve, il discorso è già impostato»
Prossimo articolo
LotitoLotito: «Voglio portare l’Italia a Salerno per una gara internazionale»