Si fermano Inter e Fiorentina: la Lazio punta al quarto posto

© foto www.imagephotoagency.it

Questa sera il derby tra Roma e Lazio non deciderà solamente la supremazia cittadina. Con i risultati della 32esima giornata di Serie A alla mano, gli uomini di Petkovic si giocheranno l’opportunità di superare Inter e Fiorentina in un colpo solo.

FIORENTINA – MILAN, PARI E POLEMICHE – La formazione di Montella, infatti, è stata fermata dal Milan di Mario Balotelli in un incontro caratterizzato da diversi episodi destinati a far discutere. Dopo il doppio vantaggio rossonero di Montolivo e Flamini, la Fiorentina, rimasta in 10 per la discutibile espulsione di Tomovic, riacciuffa il pareggio con un generoso rigore realizzato da Ljajic e da un altro penalty trasformato da Pizarro: al Franchi, termina 2-2 e i viola rimangono al quarto posto a quota 52 punti.

CLAMOROSO A SAN SIRO – Il Catania pareggia con il Cagliari, fermando la corsa trionfale ai piani alti della classifica. Grande colpo di scena, invece, a San Siro, dove l’Atalanta esce trionfante dopo un incredibile 3-4 inflitto all’Inter di Stramaccioni. Dopo il vantaggio nerazzurro, firmato dalla centesima rete in A di Tommaso Rocchi, è Bonaventura a ristabilire l’equilibrio. Bastano pochi minuti all’Inter per rimettere in discussione il risultato e portarsi rapidamente sul 3-1 grazie alla doppietta di Alvarez. Ma l’Atalanta non demorde e, grazie alla tripletta di Denis, propiziata da un fantasioso rigore assegnato ai bergamaschi, porta a casa i tre punti che significano salvezza. Vittoria facile, invece, quella ottenuta dal Napoli a discapito di un Genoa mai in partita: Pandev e Dzemaili confermano il secondo posto della formazione di Mazzarri.

LA SITUAZIONE – Inter a quota 50, Fiorentina quarta a 52. L’opportunità di superare in un colpo solo nerazzurri e viola è veramente ghiotta: davanti alla Lazio, però, ci sarà una Roma assetata di punti e, soprattutto, di vendetta. Le motivazioni per vincere questo derby, da una parte e dall’altra, non mancano proprio.

Articolo precedente
Castroman ricorda gli anni alla Lazio: “Che emozione quel gol nel derby”
Prossimo articolo
Nuovi scarpini, vecchie abitudini: Miro Klose è tornato per trascinare la Lazio