Serie A, Collovati: «Concludiamo o sarebbe una tragedia nella tragedia»

© foto @CalcioNews24

Fulvio Collovati, ex difensore della Nazionale, spiega perché interrompere la Serie A sarebbe una tragedia nella tragedia

Dopo settimane di incertezze, forse una sorta di linea comune per la ripresa della Serie A e degli altri campionati si sta delineando: l’AIC vuole giocare, la Uefa intima di giocare e la FIGC sembrerebbe intenzionata a seguire questa opzione.

Chi si aggrega a questo pensiero è l’ex difensore Fulvio Collovati, che hai microfoni di Lady Radio spiega: «La riduzione degli stipendi? Al di là del lavoro fatto da Tommasi e dall’Aic, non c’era bisogno di sollecitare i calciatori perché in tanti l’hanno fatto di loro spontanea volontà. Ai calciatori non si può imputare nulla, hanno a cuore la solidarietà e spesso vengono criticati troppo per quello che non sono. La ripresa del campionato? Alcuni presidenti pensano a livello personale e non a livello collettivo, pensano alle loro fortune economiche invece che ai disagi che possono causare da una mancata conclusione del campionato. Io sto con Gravina e la Uefa per far finire la stagione, anche a luglio e in estate. Una mancata conclusione sarebbe una tragedia nella tragedia, un bagno di sangue».

Iscriviti gratis alla nostra Newsletter

Privacy Policy