Savini: “Per Cavanda sto monitorando il mercato inglese. Diakitè ad un passo dal Napoli”

© foto www.imagephotoagency.it

Ai microfoni di Radio Sei è intervento Ulisse Savini, agente di Modibo Diakitè e Luis Pedro Cavanda, entrambi fuori rosa e pronti a  lasciare il club biancoceleste la prossima estate. “Visto che Cavanda è fuori rosa, sto cercando una soluzione. Soprattutto sto monitorando mercato estero, in particolare quello inglese, che ha il gradimento del ragazzo. Il valore del cartellino? Tra i 3 e i 5 milioni, più 3 per l’attuale situazione del calciatore. Ma il pezzo lo fa la società, che ha il coltello dalla parte del manico, ma cercherò di portare la migliore offerta dalla Lazio. L’Arsenal? Seguono molti giocatori, lo sono venuti a vedete, ma è difficile approdare lì, noi preferiremo una squadra dove il ragazzo possa giocare. Offerta rifiutata da Lotito? E’ vero che è arrivata un offerta dell’Inghilterra di 2,5 da parte Reading, nel mercato di gennaio, ma il presidente l’ha rifiutata, però anche per noi non era una soluzione graditissima. Aspettare la scadenza del contratto? Impossibile, perché lui è giovane e non può rimanere fermo un anno e mezzo”. Poi tocca a Diakitè che è sempre più vicino al Napoli: “Siamo in trattative con gli azzurri, ci sono dei problemi, non di cifre, ma perché il partenopei stanno decidendo alcune cose a livello societario, stiamo aspettando che si risolvano queste situazioni. Posso dire che le cifre sono più alte di quelle che ha offerto la Lazio”. Savini ripercorre tutte le fasi delle trattativa con il club biancoceleste: “La frattura iniziale è stata creata dell’offerta iniziale della Lazio di 500 mila euro, poi è cresciuta sino ad arrivare alla quella finale, che è stata fatta a cavallo della partita di Coppa Italia che il giocatore disputò con il Siena, in quel momento fummo vicini alla firma”. Savini cura anche gli interessi di Keita, giovane e promettente attaccante della Primavera biancoceleste: La Lazio non lo ha fatto esordire in prima squadra per ripicca? Il pensiero mi ha sfiorato, ma non credo che la Lazio non gli abbia concesso minuti per questo motivo, perché con il ragazzo si è sempre comportata bene. Anzi credo che Lotito e Tare puntano molto sul ragazzo per il futuro”, ha concluso Savini.

Pubblicato il 26/03 alle ore 22,34

Articolo precedente
Prezzi alti per il Fenerbahce, Canigiani spiega: “La Lazio non ha voce in capitolo. Sulla finale di Coppa Italia…”
Prossimo articolo
Nazionali: buona mezzora per Candreva, solo panchina per Kozak e Radu