Lazio, Mauri: «Giocare a porte chiuse non sarà semplice per nessuno»

Mauri
© foto www.imagephotoagency.it

Lazio, Stefano Mauri è intervenuto ai microfoni di RadioSei, in merito alla decisione di disputare la Serie A a porte chiuse

Dopo giorni di polemica, è arrivata l’ufficialità: le partite di Serie A si giocheranno a porte chiuse fino al 3 aprile. Una decisione dolorosa, ma necessaria, per tutelare la salute della collettività e per continuare a garantire la regolarità del campionato. Sulla questione è intervenuto anche Stefano Mauri, storico capitano della Lazio, che ai microfoni di RadioSei, ha dicharato:

«Giocare a porte chiuse? Sembra quasi di disputare un’amichevole, è un po’ come l’allenamento, ne risente l’adrenalina. Non sarà semplice per nessuno, a maggior ragione per chi può trarre beneficio dal proprio tifo fra le mura amiche. Scudetto? La favorita resta la Juve, lo sarebbe anche in caso di sconfitta contro l’Inter. La Lazio è allo stesso livello, se non superiore a quello dei nerazzurri.»

Iscriviti gratis alla nostra Newsletter

Privacy Policy