Lazio, Leiva: «Possiamo vincerle tutte e arrivare quarti. Che ambiente a Roma!»

© foto Youtube

Lucas Leiva in occasione dell’evento “La Lazio nelle scuole” è intervenuto ai microfoni dei cronisti presenti

In occasione dell’evento “La Lazio nelle scuole”, che si è tenuto quest’oggi all’Istituto Comprensivo Viale Venezia Giulia, il centrocampista biancoceleste Lucas Leiva è intervenuto ai microfoni dei cronisti presenti.

Come mai questo calo? Stanchezza o episodi arbitrali? 

«Penso che sia un po’ di tutto questo, quando i risultati non arrivano è normale che si debba analizzare tutto e cercare di migliorare. La sosta è arrivata in un buon momento e sono sicuro che nell’ultima parte di stagione la Lazio giocherà sicuramente meglio. Speriamo che i risultati migliorino rispetto alle ultime partite».

Obiettivo Champions?

«Abbiamo fiducia di poter fare bene queste nove partite che rimangono. Le possiamo vincere tutte. Non è facile, ma siamo lì e abbiamo le nostre chance. Dobbiamo crederci, possiamo arrivare tra le prime quattro a fine stagione». 

Ci pensi al Mondiale?

«Il Mondiale è sempre nella mia testa, ma so che non sarà facile. Abbiamo meno di tre mesi e ancora non ho avuto una chance. Devo lavorare e aspettare una chiamata, se avrò una possibilità sarò molto contento, altrimenti non potrò far altro che andare in vacanza e lo guarderò da casa». 

La Lazio può vincere l’Europa League?

«Penso che abbiamo dimostrato a Kiev di essere in grado di battere una squadra forte. Dobbiamo concentrarci sulle nove partite di campionato, poi vedremo nei quarti di finale cosa succederà». 

La Lazio sta volando in Europa League, in campionato sta andando bene, ma l’Olimpico fa fatica a riempirsi: come mai? 

«Veramente non ho una spiegazione per questo. Le ultime partite all’Olimpico la squadra non ha trovato risultato, ma l’ambiente è sempre stato molto bello».

Articolo precedente
Paparelli lazio curva nord beneventoLazio-Benevento: prezzi e info sull’acquisto dei biglietti
Prossimo articolo
naniPortogallo, Nani: «Non rischio il Mondiale perchè…»