La Uefa tuona: “Basta errori, al prossimo Lazio fuori dalle coppe”

© foto www.imagephotoagency.it

Tutto inutile. Storia di una morte annunciata, ha dichiarato Lotito, gli sforzi sono stati vani. Ricorso respinto e porte chiuse sia domani con lo Stoccarda e a seguire o nel prossimo turno, in caso di passaggio ai quarti, o nella prossima competizione europa disputata dalla Lazio. Ma non è tutto. La Uefa non vede di buon occhio i biancocelesti, ha puntato il mirino sui suoi tifosi, è pronta a decisioni drastiche. L’indulgenza è finita, al prossimo passo falso la Lazio sarà estromessa dalle coppe europee. Come riporta l’edizione odiera del Corriere dello Sport tutto ciò è gia successo con il Fernebache. Lo scorso 28 febbraio la Uefa ha incentivato la pensa del club turco perchè i suoi tifosi, piazzatosi fuori lo stadio, hanno lanciato al suo interno dei fumogeni. Reazione rabbiosa delle istituzioni: stadio chiuso e squalifica del Fenerbache dalla prossima competizione con la pena poi sopesa per un periodo probatorio di due anni. La Lazio rischia la stessa sanzione, serve una prova di coscienza dei suoi tifosi. L’eslusione dalle coppe europee sarebbe un dramma sportivo con forti ripercussioni anche a livello economico con l’immaggine della società compromessa per sempre. Sono state avviate iniziative importanti da parte della curva nord, non possono più ripetersi episodi come quelli di Lazio – B. M’gladbach. Il ritorno con lo Stoccarda vedrà uno stadio Olimpico deserto, potranno entrare soltanto il personale autorizzato, le forza dell’ordine e la stampa accreditata. I biglietti sono concessi solo a dirigenti e atleti, l’indiscrezione di un maxy schermo fuori lo stadio non è stata confermata. Non bisogna rischiare nulla, la Uefa è alla finestra e aspetta solo un altro piccolo errore per chiedere conto alla Lazio, un conto che stavolta può essere veramente troppo salato.

Articolo precedente
Europa League, Lazio tra passato e presente per riscrivere la storia
Prossimo articolo
Franceschini: “Pesante giocare senza tifosi”