L’arbitro piega la Lazio: ora serve un’impresa al ritorno!

© foto www.imagephotoagency.it

Va in scena il primo atto dei quarti di finale di Europa League tra Fenerbahce e Lazio. Petkovic lascia ancora in panchina Mauri e Klose preservandoli per il derby e rispolvera Ciani per un 3-5-2 con Kozak davanti supportato da Ederson.  Kocaman invece si affida all’esperienza di Kuyt e Meireles e alla velocità di Webo e Sow.

PRIMO TEMPO – Nella bolgia del ?ükrü Saraco?lu, riaperto dopo i due turni di squalifica, inizia la gara. La Lazio prova a fare il gioco, ma dopo quattro minuti i turchi sfoderano subito la loro arma migliore, ovvero il contropiede ma Webo conclude malamente fuori. Al 10’ buona iniziativa di Candreva che serve Ederson che di testa indirizza debolmente verso la porta. Dopo tre minuti episodio molto dubbio in area dei turchi: Lulic ruba palla e imbuca ancora per Ederson che cade giù su tocco di un difensore turco che a sua volta era in caduta. Per l’arbitro scozzese è tutto regolare.  Al 16’ occasione d’oro per Sow che, dopo un grave errore di Lulic in fase di rinvio, si ritrova la palla buona per l’1-0 in area, ma il suo destro colpisce il palo dopo una leggera deviazione di Marchetti.  Dopo un quarto d’ora di appannamento i biancocelesti reagiscono ancora con il numero sette il cui tiro esce poco sopra la traversa dopo un tocco di un difensore. Al 31’ giallo per Onazi, reo di essere troppo veemente nei contrasti. L’ultimo quarto d’ora viene gestito sapientemente  dalle due squadre e nei due minuti di recupero c’è anche il tempo per Korkmaz di prendersi il primo giallo.

SECONDO TEMPO – Neanche il tempo di rientrare ed Onazi la combina grossa entrando in modo scomposto in scivolata: secondo giallo e la Lazio si ritrova a giocare 43 minuti in dieci uomini. Passano 120 secondi e Meireles timbra il secondo palo per i suoi con un piattone di destro. Dopo cinque minuti finisce sul taccuino dei cattivi anche Ederson. Il Fenerbahce alza i giri del motore così come il suo pubblico e va vicina al vantaggio con Sow al 53’ che manda fuori da sottoporta.  Ammonito subito anche Marchetti, quasi per prevenire eventuali perdite di tempo, mentre metteva la palla nell’angolo dell’area piccola per il rinvio dal fondo. Continua la sfida tra Meireles e il numero 22 biancoceleste che mette in angolo un sinistro dell’ex Chelsea. Si riaffacciano i biancocelesti nell’altra metà campo con Candreva che prende l’esterno del palo. Petkovic corre ai ripari e rileva uno stremato Ederson inserendo un più difensivo Ledesma. Al 72’ dentro Klose per Kozak. Ma al 77’ c’è l’ennesimo colpo di scena che vede ancora protagonista lo sciagurato Collum che fischia un rigore molto dubbio per mani di Radu e lo ammonisce sebbene fosse evidente l’involontarietà. Dal dischetto va Webo ed è 1-0. Provano a riorganizzarsi i biancocelesti e la gara sembra finire su questo risultato, ma al 90’ l’arbitro fischia un fallo di Mauri, appena entrato per Hernanes, molto dubbio che gli costa anche il giallo. Alla battuta va Erkir, Marchetti non trattiene e Kuyt mette dentro il raddoppio. Dopo cinque minuti di recupero, finisce il match.

Articolo precedente
Cana non si arrende: “Ribalteremo il risultato all’Olimpico. Ci credo al 100%”
Prossimo articolo
Petkovic: “L’arbitro ha pesato tanto. Sono sicuro che non usciremo dall’Europa”