Zanetti: «Il 5 maggio il momento più brutto in neroazzurro. Champions? Ancora una volta penalizzati…»

zanetti
© foto www.imagephotoagency.it

Javier Zanetti intervistato a margine di un evento milanese, ha parlato di tutta la sua esperienza con l’Inter, dal suo arrivo all’attualità

Due punti di differenza tra Lazio e Inter che tra due settimane si troveranno l’una contro l’altra allo stadio Olimpico. Di tutta la sua carriera in neroazzurro, fino alla squadra attuale, ha parlato il vicepresidente Javier Zanetti, intervenuto nella cornice milanese del Volvo Studio: «Spalletti ha creato un gruppo definito con giocatori funzionali: questi ragazzi meritano di andare in Champions per il grande lavoro che stanno facendo. Polemiche post-Juve? Abbiamo affrontato una squadra forte facendo una grandissima partita. Meritavamo un altro risultato, invece abbiamo perso una gara che era fondamentale. Ci sono stati ancora una volta episodi che ci hanno visto danneggiati, ma il calcio va avanti e non possiamo farci niente. Tutto questo va avanti, è inutile fermarsi».

5 MAGGIO 2002 – Infine un ricordo su quella famosa giornata: «Il 5 maggio fu terribile per tutti, ma ci ha reso più forti per arrivare a quello a cui siamo arrivati. Le difficoltà ci sono sempre, ma dipende da come si affrontano. Il 5 maggio va ricordato anche perché è il giorno in cui è nato il Triplete. Certo, quel 5 maggio piansi, come piansi per le semifinali di Champions col Milan dell’anno seguente, ma è in quei momenti che ero fiero di essere interista, perché sapevo che il nostro momento stava per arrivare».

Articolo precedente
ImmobileSerie A, 14 le squadre con licenza Uefa: nessun problema per i biancocelesti
Prossimo articolo
Corsa Champions, ancora un ‘aiutino’ alla Roma. Le proteste del Cagliari: «Su Deiola era rigore!»