Franceschini: “Pesante giocare senza tifosi”

© foto www.imagephotoagency.it

La partita di Europa League si avvicina e tutti i tifosi laziali si aspettano una risposta sul campo da parte dei ragazzi di Petkovic per riscattare la debacle di domenica sera contro la Fiorentina. Ai microfoni di Elle Radio all’interno della trasmissione Spazio Lazio ha parlato l’ex giocatore biancoceleste Daniele Franceschini che ha è entrato in merito ai temi della sfida contro lo Stoccarda. “Giocare senza tifosi è frustrante, demoralizzante. Il fatto di avere gente che ti segue in tribuna è parte dello spettacolo, non poter dare una soddisfazione ai propri sostenitori è la morte del calcio. Lo striscione esposto domenica sera (contro Platini, ndr) non ha di certo aiutato, capisco però la tifoseria che si sente presa di mira dall’UEFA, anche perchè non c’è omogeneità di giudizio rispetto a quello che si vede in Italia, dispiace ma in ambito europeo su certe cose sono molto piu severi”. Franceschini ha analizzato anche la parte ‘calcistica’ consigliando alla banda Petkovic di rimanere sugli attenti e non pensare già di aver passato il turno visto anche che lo Stoccarda verrà a Roma ad attaccare e la Lazio può sfruttare gli spazi. “Andare ai quarti di E.L. è fondamentale visto il periodo nero che attanaglia le aquile”. Proprio sul momento della squadra di Petkovic Franceschini ha dichiarato: “Ci vuole equilibrio per uscire da questo momento, calciatori e allenatore devono fare una disamina profonda, bisogna prendere in considerazione l’intera stagione. C’è stato un calo evidente, nonostante il terzo posto si sta allontanando non bisognare buttare via quanto fatto di buono fino ad ora continuando a lottare per poter raggiungere la qualificazione in Champions. I biancocelesti sono una delle squadre che ha giocato di più ed è fisiologioco avere un calo. In campionato le squadre sono tatticamente preparate quindi si difendono bene ed hanno imparato a contrastare il gioco di Petkovic, in Europa questo non succede, le squadre lasciano giocare e questo facilita la Lazio. Franceschi ha concluso buttando un occhio alla partita che attende la Lazio nel prossimo turno di campionato. Un Torino – Lazio dove bisogna fare attenzione al gioco di Ventura:“Il Torino ama giocare al calcio, è una squadra che subisce pochi gol e si difende molto bene. Sarà una partita difficile, la Lazio dvorà essere brava a sfruttare gli spazi che il Toro gli concederà. Attenzione ai movimenti delle punte, Ventura è un maestro da questo punto di vista. Dovranno essere molto bravi i centrali biancocelesti”.

Articolo precedente
La Uefa tuona: “Basta errori, al prossimo Lazio fuori dalle coppe”
Prossimo articolo
Caliendo su Ederson: “E’ al 60%, ci sono offerte ma non si muove dalla Lazio”