Formello, ripresa fissata a martedì: da valutare Lulic e Radu

© foto www.imagephotoagency.it

La Lazio inciampa anche al Tardini di Parma e torna a casa con un solo punto che serve a ben poco alla classifica delle aquile. Viste le vittorie delle diretti concorrenti all’Europa la Lazio doveva e poteva fare di più ma anche quest’oggi bravura e fortuna non hanno assistito la banda Petkovic. Ora sotto con il Bologna, bisogna tornare a vincere sperando che le altre incappino in una domenica no. Per fare questo bisogna sudare ed allenarsi bene, preparasi al meglio in vista della sfida ai rossoblù di Pioli è un onere che la Lazio deve avere da subito. Petkovic concederà ai suoi giocatori un intero giorno di riposo, la ripresa degli allenamenti è fissata per martedì alle ore 17. In quel di Formello si spera di rivedere in gruppo quel Senad Lulic infortunatosi proprio nel momento in cui la sua forma aveva raggiunto un buonissimo livello e la sua corsa sta mancando molto alla compagine biancoceleste. Le speranze di rivederlo in campo da subito ci sono. Tornerà sicuramente Alvaro Gonzalez, la sua corsa è una fonte alla quale la Lazio non può mai rinunciare, oggi vista la squalifica non è sceso in campo a Parma ma da domenica è pronto a dare brio e verve alla mediana biancoceleste tornando nella porzione di campo più congeniale alle sue caratteristiche. Qualcuno rientra ma qualcun altro sa già che con il Bologna darà forfait. Giuseppe Biava, vista l’espulsione rimediata nel finale, salterà il prossimo turno di campionato ed allora ecco che Cana e Ciani sono in rampa di lancio per la sua sostituzione. Alla ripresa degli allenamenti bisognerà valutare le condizioni di Stefan Radu, uscito malconcio anzitempo dal Tardini. Le parole di Petkovic pronunciate nel post gara, “Stefan ha sentito tirare la coscia, ma non dovrebbe essere nulla di grave”, fanno intendere che il giocatore non desta preoccupazioni particolari, ma in questi casi la prudenza non è mai troppa.

Articolo precedente
Pereirinha non ci sta: “Oggi partita sfortunata, la palla non voleva entrare”
Prossimo articolo
Juventus, Lichtsteiner a proposito di derby: “A Roma è più amplificato”